Lun. Giu 17th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Ecco tutta la verità sull’accordo Cavani-De Laurentiis

1 min read
L'accordo c'è stato ed almeno per quest'anno i tifosi del Napoli possono stare tranquilli: Cavani resterà in azzurro. L'anno prossimo si vedrà e non è nemmeno detto che finisca come per Lavezzi. Se il Napoli dovesse tornare in Champions league o vincere addirittura lo scudetto, Cavani non solo non si muoverebbe da Napoli ma prolungherebbe il contratto naturalmente con ulteriore adeguamento. Insomma, si aprirebbe un'altra storia. Almeno pari a quella che sembra dover legare ancora a lungo Hamsik agli azzurri. Quest'anno l'attaccante uruguaiano guadagnerà, con annessi bonus, oltre quattro milioni di euro. Con buona pace del tetto ingaggi ma De Laurentiis non ha altre scelte. Certo, potrebbe usare il pugno di ferro imponendo il rispetto dell'attuale contratto, tra l'altro rinnovato e ritoccato appena l'anno scorso, ma a che servirebbe trattenere a tutti i costi un Cavani scontento? Le voci di mercato sul possibile arrivo di Pazzini e quello prossimo venturo di Giuseppe Rossi, non c'entrano nulla con l'affaire-Cavani. Pazzini rappresenterebbe quest'anno solo un'alternativa a Cavani, a meno di un modifica di assetto e di modulo di gioco. E soprattutto Pazzini servirebbe a tranquillizzare Mazzarri che al di là di tenori vecchi e nuovi resta il primo interprete di questo Napoli e del progetto di De Laurentiis.

 L’accordo c’è stato ed almeno per quest’anno i tifosi del Napoli possono stare tranquilli: Cavani resterà in azzurro. L’anno prossimo si vedrà e non è nemmeno detto che finisca come per Lavezzi. Se il Napoli dovesse tornare in Champions league o vincere addirittura lo scudetto, Cavani non solo non si muoverebbe da Napoli ma prolungherebbe il contratto naturalmente con ulteriore adeguamento. Insomma, si aprirebbe un’altra storia. Almeno pari a quella che sembra dover legare ancora a lungo Hamsik agli azzurri.
Quest’anno l’attaccante uruguaiano guadagnerà, con annessi bonus, oltre quattro milioni di euro. Con buona pace del tetto ingaggi ma De Laurentiis non ha altre scelte. Certo, potrebbe usare il pugno di ferro imponendo il rispetto dell’attuale contratto, tra l’altro rinnovato e ritoccato appena l’anno scorso, ma a che servirebbe trattenere a tutti i costi un Cavani scontento?
Le voci di mercato sul possibile arrivo di Pazzini e quello prossimo venturo di Giuseppe Rossi, non c’entrano nulla con l’affaire-Cavani. Pazzini rappresenterebbe quest’anno solo un’alternativa a Cavani, a meno di un modifica di assetto e di modulo di gioco. E soprattutto Pazzini servirebbe a tranquillizzare Mazzarri che al di là di tenori vecchi e nuovi resta il primo interprete di questo Napoli e del progetto di De Laurentiis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *