Home
Tu sei qui: Home » Selce & silicio » Editoria, crisi anche in Europa: chiude il Financial Times Deutschland

Editoria, crisi anche in Europa: chiude il Financial Times Deutschland

Editoria, crisi anche in Europa: chiude il Financial Times Deutschland

L’ultima copia del Financial Times Deutschland sarà in edicola il 7 dicembre prossimo.
La grave crisi che sta colpendo il mondo editoriale in Italia e all’estero non risparmia neanche i quotidiani economici.
La decisione di chiudere la testata tedesca è arrivata questa mattina, dopo la riunione del Consiglio di amministrazione di “Gruner + Jahr”, il colosso editoriale tedesco che pubblica, tra le varie cose, anche il settimanale “Stern”.
320 persone, tra giornalisti e maestranze, perderanno il proprio posto di lavoro; venti redattori, invece, saranno trasferiti al mensile economico “Capital”. Le dismissioni del personale, per le quali l’editore ha previsto un esborso economico di 40 milioni di euro, verranno attuate nel 2013.
«I quotidiani, in particolare quelli economici – ha spiegato ai media Julia Jaeckel, responsabile per le attività in Germania del gruppo editoriale Gruner-Jahr – sono in difficoltà. Il Financial Times Deutschland ha prodotto perdite dal giorno della sua fondazione nel febbraio 2000. Di fronte a una situazione del genere non esiste più la possibilità di proseguire questa attività».
Il quotidiano era stato lanciato nel 2000 come l’edizione tedesca del Financial Times con l’obiettivo di fare concorrenza alla corazzata Handesblatt. Nel corso di dodici anni il quotidiano ha accumulato perdite per 250 milioni di euro.
Le pubblicazioni del quotidiano saranno interrotte con l’edizione del 7 dicembre e anche il sito internet interromperà ogni tipo di attività.
La crisi del settore editoriale non dà scampo anche in Germania: appena la scorsa settimana lo storico quotidiano Frankfurter Rundschau, nelle edicole dal 1945, aveva annunciato la chiusura. Lo scorso mese di ottobre, poi, la seconda agenzia di stampa tedesca, la Dapd, aveva dichiarato bancarotta.
La situazione non è delle migliori anche in Francia: ristrutturazioni e tagli al personale stanno interessando Sud Ouest, secondo giornale regionale.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto