Mar. Giu 25th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Elea e l’anima del Cilento

1 min read
di Rino Mele
di Rino Mele

 

Il Cilento è una barca su cui è piantato un ulivo,

gli alberi

d’acqua nei solchi che il cilentano continua

a zappare, il mare che chiama

madre: ed è la terra

aspra da lavorare. Il tramonto

e l’alba successiva sono due eternità, i contadini

mangiano i morti come il pane,

nascondono la vita e sembrano volpi, la gridano

infinita. La bellezza ha il sapore della pietra,

l’umore della terra

nella putrefazione delle rose. Sono due volti

che non

combaciano, la perfezione inaudita e il dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *