Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Errani e Vinci nella storia del tennis, trionfo agli Us Open

Errani e Vinci nella storia del tennis, trionfo agli Us Open

Errani e Vinci nella storia del tennis, trionfo agli Us Open

(AGI) Sono le numero uno del mondo e non c’era modo migliore per festeggiare un traguardo strameritato. Sara Errani e Roberta Vinci (nella foto) scrivono un’altra pagina di storia e dopo la finale persa all’Australian Open e il titolo conquistato al Roland Garros arricchiscono il loro personale palmares di coppia portando a casa l’Us Open. Una finale senza storia, con le due azzurre che asfaltano 6-4 6-2 le ceche Lucie Hradecka e Andrea Hlavackova, teste di serie numero 3. Strepitosa la prova della tarantina, che sul proprio servizio non sbaglia mai completando l’opera nel primo set con un serve&volley da
manuale. Il secondo parziale è quasi una formalità, ipotecato con il break ottenuto sul 4-2 a quindici e poi sigillato ancora una volta dalla Vinci al
servizio.
Le due azzurre, che giĂ   in singolare avevano mostrato il loro grande stato di forma (Errani in semifinale dopo aver battuto nei quarti proprio la tarantina), diventano la prima coppia tutta italiana sul tetto del mondo, dopo che Flavia Pennetta era arrivata in vetta in compagnia dell’argentina Gisela Dulko.
Il successo di oggi corona dunque una stagione da sogno, che le ha viste trionfare anche a s’Hertogenbosch, Roma, Madrid, Monterrey, Acapulco e Barcellona.
Andando al tabellone maschile, la tregua concessa dal maltempo ha consentito la prosecuzione dell’altra semifinale, con Nole Djokovic che supera in quattro set David Ferrer e si guadagna il confronto con Andy Murray. Lo spagnolo ha condotto in porto il primo parziale (6-2) ma senza il vento a dargli fastidio, il serbo ha dettato legge, col secondo set senza storia grazie al ritmo infernale imposto da Nole (6-1). Anche nel successivo parziale la musica non cambia anche se Ferrer riesce a risalire da 0-2 a 2-2 ma per quanto sia uno che non molla mai, il gap e’ evidente e per Djokovic è tutto facile: 6-4 6-2 e biglietto per la finale contro Murray in tasca. L’ex numero uno del mondo e’ avanti 8-6 anche se c’e’ solo un precedente all’ultimo atto di uno Slam, la finale 2011 dell’Australian Open vinta dal 25enne di Belgrado.
In questa stagione quattro confronti, con un bilancio in perfetta parita’: Nole ha vinto nella straordinaria semifinale degli Australian Open e in finale a Miami, mentre Andy l’ha battuto in due set a Dubai e nella semifinale olimpica a Wimbledon, il loro incontro piu’ recente. Domani, però, sarĂ  un’altra storia, con Djokovic, alla terza finale di fila a Flushing Meadows, che insegue il sesto Slam della sua carriera mentre Murray, rinfrancato dall’oro di Londra, ha la grande occasione per sfatare il tabĂą che lo vede sempre perdente sul piu’ bello. Prima, però, c’è la finale femminile tra Victoria Azarenka e Serena Williams: i precedenti (9-1) e la straordinaria prova di forza vista contro Sara Errani fanno pendere la bilancia verso l’americana ma se la bielorussa e’ la numero uno al mondo un motivo dovra’ pur esserci.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3626

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto