Lun. Giu 17th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Facebook “nega” i fantasmi con la Storia di Mayank Sharma

2 min read
Storie straordinarie vissute attraverso Facebook. Impossibile? Aspettiamo qualche giorno per dare giudizi. Il popolare social network prova a stupirci, lanciando un nuovo progetto, Storie, che si propone di raccontare delle storie particolari e curiose vissute attraverso Facebook. In questi giorni parte “Stories”, progetto destinato a far parlare di sé, proprio mentre emerge che sul popolare social network circa 83 milioni di utenti possono definirsi “fantasma”. A quanto pare, l'8,6% del totale degli utenti di Facebook sarebbe costituito da profili duplicati, società o entità non umane (non mancano gli animali domestici) e da profili indesiderati, attivati con chiare intenzioni criminali.
di Barbara Ruggiero

Storie straordinarie vissute attraverso Facebook. Impossibile? Aspettiamo qualche giorno per dare giudizi.
Il popolare social network prova a stupirci, lanciando un nuovo progetto, Storie, che si propone di raccontare delle storie particolari e curiose vissute attraverso Facebook.
In questi giorni parte “Stories”, progetto destinato a far parlare di sé, proprio mentre emerge che sul popolare social network circa 83 milioni di utenti possono definirsi “fantasma”.
A quanto pare, l’8,6% del totale degli utenti di Facebook sarebbe costituito da profili duplicati, società o entità non umane (non mancano gli animali domestici) e da profili indesiderati, attivati con chiare intenzioni criminali.
La notizia del giorno è una novità di Facebook: il progetto “Stories”, una sorta di storia di copertina particolare e curiosa vissuta attraverso il social network di Mark Zuckerberg.
Al momento sul sito Facebookstories.com è presente in copertina una storia che ha già commosso mezzo mondo.
La novità è stata presentata con la storia di Mayank Sharma, 27enne di Nuova Delhi. Mayank ha sofferto di meningite tubercolare in età adulta; un problema che ha provocato la perdita della memoria. Mentre era in cura, la sua famiglia si accorse che Mayank non riconosceva i suoi cari, non ricordava niente, neanche amici, volti e conoscenze. Pare che poi, grazie a Facebook, il giovane indiano abbia riacquistato lentamente la sua memoria.
La storia di Mayank Sharma è quella con cui è stata inaugurata la sezione “Stories”. Al momento sono dieci le storie presentate dal social network. Come fare a “scrivere” una storia? Basta inviare la propria candidatura tramite il pulsante presente sul sito FacebookStories.com. Ogni mese “Stories” introdurrà un nuovo tema. Lo scopo è raccontare come il social network ha cambiato la vita delle persone. Che sia lavoro, salute, amore, infanzia, il social network è pronto a pubblicare le vostre storie purché siano straordinarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *