Mar. Lug 16th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Facebook punta sull’e-commerce con Collections: come cambia

2 min read
Oramai è riduttivo chiamarlo social network. Facebook si aggiorna ancora una volta.

Foto: wired.it

Foto: wired.it

Oramai è riduttivo chiamarlo social network. Facebook si aggiorna ancora una volta. A partire dall’immediato futuro somiglierà anche a una vetrina di e-commerce. Sulla piattaforma Collections – che è in fase di test – del popolare social network sarà possibile sfogliare foto di prodotti di molti brand, commentarle, condividerle e anche decidere di acquistarle premendo il tasto appositamente studiato in calce a ogni immagine.
La novità di Facebook per molti somiglia a un tentativo di emulazione di Pinterest e allo stesso tempo come un vero e proprio salto dei social network nel mondo dell’e-commerce. Per gli utenti sarà possibile creare delle vere e proprie liste di desideri oppure dei cataloghi in cui andranno inseriti i propri prodotti preferiti. Che si tratti anche di un modo elegante per indirizzare al meglio qualcuno interessato a farci un regalo? A questo punto Facebook potrebbe diventare utile come una sorta di intramontabile lista dei desideri: un vantaggio per avere pronto il regalo giusto al momento giusto!
Come funzionerà Collections? I brand pubblicheranno sulla propria pagina una immagine che avrà in calce tre bottoni denominati “Want”, “Collect” e “Buy”. I fan della pagina del brand potranno cliccare su uno dei tre bottoni e spiegare perché apprezzano o desiderano quell’oggetto. Il servizio – spiegano dagli Usa – è ancora in fase di test e al momento riguarda solo un selezionato numero di aziende (Pottery Barn, Victoria’s Secret, Wayfair, Smith Optics, Michael Kors, Fab.com e Neiman Marcus).
C’è chi è pronto a giurare che l’innovazione del mondo Facebook sia solo una strategia economica per mostrare agli investitori che il social network ideato da Zuckeberg è una potenziale macchina da soldi. Al momento Facebook non decurta alcuna percentuale dagli acquisti effettuati tramite Collections ma pare che, una volta ultimati i test, le cose andranno diversamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *