Facoltà di Medicina, Iannuzzi annuncia l’ok del ministro

Facoltà di Medicina, Iannuzzi annuncia l’ok del ministro
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
Importante passo avanti per la Facoltà di Medicina di Salerno: il Ministero dell’Economia ha espresso parere favorevole in merito alla trasformazione dell’Azienda Ospedaliera di Salerno in Azienda Universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona-Scuola Medica Salernitana”.
L’on. Tino Iannuzzi, Deputato del PD, ha inviato una lettera ai Ministri della Salute Renato Balduzzi e dell’Universita’, della Ricerca e dell’Istruzione Francesco Profumo per sollecitare la rapida approvazione del DPCM, necessario per la trasformazione dell’Azienda Ospedaliera.
La lettera fa seguito all’incontro, così significativo e rilevante, tenutosi lo scorso 19 dicembre presso il Ministero della Salute; un incontro fra i Ministri Profumo e Balduzzi, il Presidente della Giunta Regionale della Campania Caldoro ed il Rettore dell’Universita’ Pasquino. All’ incontro hanno partecipato una delegazione degli Studenti ed i Parlamentari Calabro’, Barani e Iannuzzi.
L’incontro venne promosso dai due Ministri, con una scelta estremamente positiva, per definire una volta per tutte e, dopo tanti rinvii e tanti ritardi, la questione, decisiva ed anzi esiziale per la Facolta’, della trasformazione dell’Azienda Ospedaliera di Salerno in Azienda Universitaria. Tale trasformazione, per legge, esige un DPCM, preceduto dal concerto fra i Ministeri dell’Università, della Salute e dell’Economia, con parere della Conferenza Stato-Regioni.
L’incontro fu preceduto da un’ intensa e serrata attivita’ istruttoria fra Regione Campania e Ministero della Salute per risolvere le questioni di merito, avanzate dal Ministero alla Regione, in ordine a diversi profili della organizzazione e dell’assetto delle strutture e dei servizi ospedalieri.
In quell’incontro e, quindi, in una sede cosi’ autorevole e di massima rappresentativita’ istituzionale, i due Ministri espressamente dichiararono che erano superati tutti gli ostacoli che fino ad allora non avevano consentito la costituzione dell’Azienda Universitaria. Ancor di piu’ venne esternata la precisa volonta’ dei due Ministri di adottare il DPCM entro il periodo di durata in carica del Governo Monti e, quindi, entro febbraio 2013.
Dopo quell’incontro l’on. Iannuzzi ha continuato ad avere contatti costanti con i Ministeri della Salute e dell’Universita’ e dell’Economia, che hanno avviato il percorso amministrativo del decreto. Con il parere di queste ore del Ministro dell’Economia si è ora compiuto un fondamentale passaggio per risolvere la questione.
Pertanto occorre adottare lo schema di decreto, che non e’ stato ancora formalizzato, ne’, tantomeno, e’ stato sottoscritto in concerto dai Ministri della Salute e dell’Università. Questa situazione alimenta nella comunita’ salernitana l’apprensione e la giusta e fondata preoccupazione degli Studenti, delle loro Famiglie, dei Docenti, dei Medici Ospedalieri. Per di piu’ persistono difficolta’ operative, con pesanti condizionamenti negativi sulle attivita’ didattiche, sui corsi e sulla vita della Facolta’.
Per queste ragioni, l’on. Iannuzzi ha sollecitato i due Ministri per la immediata definizione dello schema di decreto, con la sottoscrizione in concerto dei Ministeri competenti, per poter addivenire nell’arco di poche settimane e,comunque, entro febbraio all’emanazione del DPCM di trasformazione dell’Azienda Ospedaliera di Salerno in Azienda Universitaria.
Ogni ulteriore ritardo ed ogni ulteriore rinvio determinerebbero un pregiudizio gravissimo, per la Facoltà” di Medicina di Salerno, che in questi anni ha dimostrato di poter diventare un polo di assoluta qualita’ ed eccellenza. Ecco perché e’ il momento di definire una volta per tutte con il DPCM questa vicenda, che si trascina da troppo tempo.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *