Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Faida di camorra, ucciso il figlio del reggente dei Grimaldi

Faida di camorra, ucciso il figlio del reggente dei Grimaldi

Faida di camorra, ucciso il figlio del reggente dei Grimaldi

Pasquale Vigilia, 24 anni, figlio di Alfredo Vigilia, ritenuto elemento di spicco del clan camorristico Grimaldi, è stato ucciso la scorsa notte da due killer con colpi di pistola alla testa, in un centro scommesse a Napoli, nella zona di Soccavo. Pasquale Vigilia aveva precedenti per stupefacenti e reati contro il patrimonio. Il 24enne era figlio di Alfredo, attualmente detenuto e considerato il reggente del clan Grimaldi, attivo nel quartiere partenopeo Soccavo. La vittima, raggiunta da numerosi colpi di pistola di diverso calibro, aveva precedenti penali. Nel 2006, quando era ancora minorenne, la Corte di Appello lo aveva condannato per rapina aggravata, porto e detenzione di armi. Le indagini degli agenti della Squadra Mobile procedono a tutto campo e non è escluso che il giovane sia stato ucciso per una vendetta nei confronti del padre, 45enne detto “o niro”. Alfredo Vigilia fu arrestato il 5 agosto 2006 dopo un anno di latitanza perchĂ© raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere di stampo mafioso e traffico di stupefacenti. L’uomo fu rintracciato in una masseria nella zona di Pianura, dove occupava un’abitazione di due piani insieme alla moglie e ai figli. Secondo le indagini, era inserito ai vertici dell’organizzazione camorristica e aveva compiti di coordinamento e gestione delle attivitĂ  illecite che vanno dal traffico di sostanze stupefacenti, alle rapine, alla ricettazione fino alle estorsioni compiute ai danni di commercianti.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1306

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto