Fiat Pomigliano, nel mirino dei lavoratori anche i sindacati

Fiat Pomigliano, nel mirino dei lavoratori anche i sindacati

Ci sarebbero state anche alcune contestazioni e qualche fischio nei confronti dei segretari di Fim, Uilm, Fismic e Ugl presenti all’assemblea dei lavoratori in Fabbrica Italia Pomigliano. E’ quanto hanno riferito gli stessi operai all’uscita dallo stabilimento, sottolineando anche di non essere «rimasti molto soddisfatti» delle argomentazioni discusse nel corso dell’assemblea, ma di aver «apprezzato l’annunciato impegno di non far perdere i ratei di dicembre». L’episodio è stato in parte smentito dai sindacati, che parlano di «mugugni e qualche malumore», ma affermano che «non ci sono stati fischi». Di diverso avviso gli operai, che invece sostengono di aver contestato soprattutto la «mancanza di novità». «Ci hanno raccontato le solite cose – spiega Antonio, un operaio del montaggio – non c’è nulla di nuovo, a parte l’annuncio della nuova cig che ci terrà a casa quasi per tutto dicembre. Ma almeno si sono impegnati a non farci perdere parte dello stipendio, ed i ratei necessari al Tfr ed alle ferie». Secondo Felice Mercogliano, segretario generale regionale della Fismic, infatti, ci sarebbe una richiesta, da parte del proprio sindacato, di un ricorso a ferie maturate o un richiamo al lavoro per chi non ne ha a disposizione. «Proporremo all’azienda – ha poi spiegato – di far usufruire ai lavoratori che ne hanno la possibilità, delle ferie maturate, ed agli altri un richiamo di comando al lavoro nel corso delle settimane di cassa integrazione, per evitare che perdano ratei e raggiungano, quindi, la “prevalenza” necessaria».

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *