Pedofilia: mamma si traveste da suora e fa sesso con il figlio di 8 anni

Pedofilia: mamma si traveste da suora e fa sesso con il figlio di 8 anni

 Tra i file intercettati nel corso dell’operazione della polizia postale di Salerno ce ne sono alcuni che sicuramente provengono dall’Italia e che hanno fatto inorridire gli agenti. Una donna siciliana ha scattato foto e girato video da condividere con il mondo dei pedofili coinvolgendo il suo figlioletto. La donna, travestita da suora, riprende se stessa mentre compie atti sessuali con il suo bambino di otto anni.
La Polizia postale e delle comunicazioni per la Campania sta eseguendo varie misure di custodia cautelare ed altrettanti decreti di perquisizione a carico di soggetti insospettabili, operanti in tutta Italia, tutti indagati per associazione a delinquere e divulgazione di materiale pedo-pornografico. Le indagini hanno consentito di far emergere un gruppo criminale dedito alla divulgazione ed allo scambio di materiale pedo-pornografico, con particolare riguardo a materiale inedito di particolare crudezza. L’operazione – chiamata “Nessun dorma” – è la prima ad avere individuato, non solo un così ingente archivio di files video e fotografici, ma soprattutto un’associazione a delinquere operante sul deep web che ha potuto sfruttare l’anonimato garantito dalle note caratteristiche della sottorete. Il blitz della Polizia Postale e delle Comunicazioni, in corso dalle prime luci dell’alba, ha portato all’esecuzione di 10 ordinanze di custodia cautelare in carcere ed altrettanti decreti di perquisizione a carico di soggetti insospettabili, operanti sull’intero territorio nazionale, tutti indagati per associazione a delinquere e divulgazione di materiale pedo-pornografico.
Tra i milioni di immagini e video, scoperti dalla Polizia Postale della Campania, vi sono anche filmati e foto di neonati sottoposti a violenze sessuali e torture. Gli investigatori non escludono che in alcuni casi possano aver portato anche alla morte di piccole vittime.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *