Fondi Ue, la sfida per la nuova programmazione parte dal Cilento

Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
Preparare i Comuni ad affrontare il nuovo ruolo che l’Europa ha previsto per loro nella programmazione 2014 – 2020 dei fondi europei.
E’ con questo obiettivo che Anci Campania dà il via alla seconda fase di SerInn, il progetto per la formazione e la semplificazione amministrativa negli enti locali che dopo una prima fase, conclusasi con un’analisi del fabbisogno formativo e professionale del personale dipendente nei Comuni della Campania, ha deciso di puntare su workshop ed eventi sul territorio per “preparare” gli amministratori locali ad affrontare le difficili sfide dei prossimi mesi.
Per la nuova programmazione, infatti, a Governo e Regioni la Commissione Europea richiede un approccio più “partecipativo” e pertanto attribuisce ai Comuni, assieme alle altre amministrazioni locali, alle Ong e ai partner economici e sociali, un ruolo più propositivo e di impulso rispetto al passato.
“A partire dal 2014 – spiega il direttore di Anci Campania, Pasquale Granata – i Comuni saranno chiamati a rivestire un ruolo sempre più importante nell’uso e nella gestione dei fondi messi a disposizione dall’Europa. Ecco perché, con il progetto SerInn, assieme alla Regione, Anci Campania intende preparare al meglio i dirigenti e i dipendenti comunali, per consentire loro di affrontare le difficili sfide che li attendono nei prossimi mesi”.
Il primo appuntamento è per martedì prossimo, 27 novembre, a Pollica.
Qui, infatti, a partire dalle ore 9 a Palazzo Capano, dopo i saluti del sindaco Stefano Pisani e quelli del presidente del Parco Nazionale del Cilento, Amilcare Troiano, a introdurre i lavori sarà il presidente della Federazione delle Autonomie Locali, Gaetano Daniele.
Subito dopo, l’esperto di Public Management e Sviluppo Territoriale, Roberto Formato, interverrà sul nuovo ruolo che sono chiamati a svolgere nella prossima programmazione dei fondi Ue gli enti locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *