Già c’è chi vuole saltare sul nuovo carro di Berlusconi. Il caso Cardiello

Già c’è chi vuole saltare sul nuovo carro di Berlusconi. Il caso Cardiello

Franco Cardiello, senatore campano Pdl (di Eboli), vicino ad Alessandra Mussolini e come lei proveniente dalle fila di Alleanza nazionale, commentando le continue notizie giornalistiche che vedono un Pdl dilaniato dalle forti contrapposizioni interne e pronto a una fuoriuscita di Berlusconi, si è precipitato ad “esprimere tutta la sua vicinanza” al Presidente Berlusconi, scompaginando i tentativi delle colombe del Pdl di arginare le contrapposizioni. Cardiello addirittura si è detto «pronto alla formazione di un gruppo autonomo al Senato della Repubblica che segua tout court le iniziative politiche del Cavaliere. E’ impensabile un centrodestra senza il primo fondatore al suo interno. Altro che ruoli di secondo piano, a noi serve un Berlusconi ringalluzzito che guidi il partito alle prossime elezioni, senza nessun obbligo di candidatura a premier. Il gruppo si chiamerà “Con Berlusconi per l’Italia” e sarà di sostegno alla politica moderata e ispiratrice dei valori del Ppe». Parole che smentirebbero quanto invece detto in mattinata dal capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto intenzionato a “fermare” le speculazioni giornalistiche degli ultimi giorni. Il Parlamentare Pdl infatti ribadisce: «Da un paio di giorni ‘Repubblica’ parla di una contrapposizione frontale di una parte dei Gruppi parlamentari nei confronti del presidente Berlusconi, cosa destituita di fondamento. Siccome poi, seguendo una celebre battuta di Lino Jannuzzi, talora capita che è la notizia che crea il fatto, alcuni zelanti hanno finito col crederci determinando inutili tensioni. Noi lavoriamo non da oggi per unità del partito con Berlusconi e con Alfano».
E oggi dall’ufficio stampa di Berlusconi si sono affrettati a replicare che «l’ira non è un sentimento che appartiene al Presidente Berlusconi e, esattamente al contrario di quanto riporta “La Repubblica”, il colloquio di ieri sera con Angelino Alfano ha confermato lo stretto rapporto di fiducia e di affetto con il segretario del PdL. Del tutto risibili, anzi inventate di sana pianta, sono le frasi attribuite al presidente Berlusconi dallo stesso giornale, addirittura tra virgolette e in un titolo a tutta pagina» E’ quanto si legge in un comunicato diffuso da Palazzo Grazioli che prosegue: «Nello stesso malvezzo incorrono purtroppo anche altri quotidiani che, oltre a virgolettare frasi mai pronunciate né pensate dal Presidente Berlusconi, avanzano ipotesi inesistenti e surreali su opinioni del Presidente stesso e vicende interne al PdL», conclude la nota.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *