Gli Amato ko? Macché, ora rifanno la pasta dei Principi

Gli Amato ko? Macché, ora rifanno la pasta dei Principi
di Mimmo Florio


Un’araba fenice che inizia a risorgere dalle proprie ceneri, facendo tesoro degli errori del passato. Stiamo parlando di Giuseppe Amato jr. Superato l’annus horribilis, che ha portato lo scorso 20 luglio al fallimento dello storico pastificio di famiglia, in attività dal 1868, il nipote del Cavalier Amato torna nel mondo a lui più caro, quello della pasta. E lo fa in qualità di consulente commerciale della neonata Pasta dei Principi, società in vita da poco più di un mese, finalizzata alla commercializzazione in Italia e all’estero di prodotti tipici del territorio ad alto valore aggiunto. Si inizia con la pasta, 12 formati a lavorazione artigianale, realizzati con trafilatura in bronzo ed essiccazione a bassa temperatura. A seguire arriveranno i pomodori e le marmellate. La società, tutta in rosa, amministrata da Marina e Marianna Gatto, quest’ultima moglie di Peppino Amato, sta procedendo per step, partendo dalla commercializzazione del prodotto, tramite agenti, in salumerie, gourmet e ristorazione di qualità. Una sorta di porta a porta commerciale, ovvero del prodotto a scaffale, che, oltre ad agenti con pluriennale esperienza nel settore, vede coinvolte, a solo titolo di amicizia, le tante persone rimaste vicino a Giuseppe Amato jr dopo il crollo dello storico pastificio salernitano. Differente il discorso per l’estero che si svolge parallelamente e che vede oggi la Pasta dei Principi impegnata a chiudere contatti avviati con Australia, Venezuela, Principato di Monaco e Russia.
I punti di forza su cui scommette la Pasta dei Principi sono la qualità del prodotto, un packaging totalmente trasparente per trasmettere una sensazione di chiarezza nel rapporto con il consumatore finale ed un prezzo centrato rispetto a quelli rilevati con una qualità decisamente superiore. Tra i punti di forza, naturalmente, anche la voglia di riscatto di Giuseppe Amato jr.

redazioneIconfronti

2 pensieri su “Gli Amato ko? Macché, ora rifanno la pasta dei Principi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *