Gio. Ago 22nd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Studio Apollonia apre le porte a Gramsci

2 min read
Stasera a Salerno incontro sul grande politico e intellettuale

gramsci (1)Oggi, 1 febbraio, alle 18.00, negli spazi di Studio Apollonia a Salerno studiosi e giornalisti si incontrano per un seminario su “Antonio Gramsci. La traccia incancellabile“, a cura di Alfonso Amendola e Pasquale De Cristofaro.

Una giornata di letture e riflessioni dedicate all’opera del grande intellettuale sardo, promossa da Corpo Novecento in collaborazione con Openclass.

L’obiettivo del seminario è di avvicinare la vasta opera del saggista e politico sardo, cercando di ritrovarne la forte, disciplinata passione intellettuale e la tensione multiprospettica e interdisciplinare che ha caratterizzato l’intero corpus dei suoi lavori.

A raccontare l’uomo e l’universo sfaccettato di Antonio Gramsci si alterneranno intellettuali provenienti da differenti settori disciplinari (la storia, l’arte, il teatro, la politica, la letteratura, il giornalismo, la linguistica), mettendo a confronto soprattutto le diverse prospettive maturate ieri e oggi, con un colloquio aperto tra studiosi diversi anche per generazione.

fotoTra questi ci saranno Alfonso Conte, Vladimiro D’Acunto, Emilio D’Agostino, Vincenzo Del Gaudio, Raffaele Di Florio, Marcello Francolini, Alberto Granese, Andrea Manzi, Sebastiano Martelli, Luigi Reina, Ernesto Scelza e Franco Tozza.

Seguirà un dialogo a più voci con Ugo Piscopo, che avrà come fulcro il suo ultimo lavoro drammaturgico “Gramsci, chi?” (Edizioni Plectica, prefazione di Rino Mele), un testo che si muove “come su un doppio binario, quello pirandelliano e il recupero della tagliente analisi di Gramsci”.

L’iniziativa è promossa da Corpo Novecento in collaborazione con Openclass.


Corpo Novecento è una collana di libri dedicata al teatro contemporaneo edita dalla Plectica. Un denso catalogo diviso in quattro sezioni: “drammaturgia”; “saggistica”; “immagini”; “teatro spagnolo”. Da Vincenzo Pirrotta a Paolo Puppa, da Peppe Lanzetta a Vanda Monaco, da Antonio Petti a Pasquale Stanzione, da Paco Bezerra a Juan Mayorga, da Leo de Berardinis a Carmelo Bene.
Openclass (Ateneo & Territorio) è principio di teoria e prassi, è riflessione collettiva e innovativa progettazione culturale, è riconfigurazione della formazione e della didattica. Rievocando, sempre, la necessaria indicazione di Deleuze verso una ritrovata “fiducia” densa di “creazione e popolo”.

1 thought on “Studio Apollonia apre le porte a Gramsci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *