Grande bazar Italia: il surrealismo ricomincia da qui

di Roberto Lombardi

image

Sono in molti ad averne i bidoni pieni della situazione in cui il paese si trascina (dico “bidoni”, perché non mi va di scivolare sulle “palle” né di sembrare raffinato con le “scatole”): Renzi dalla De Filippis; la De Filippis col nuovo format, meno disimpegnato, del programma vecchio; i partiti con i vecchi programmi vestiti di nuovo, come le brocche dei biancospini (piene anche quelle); il vecchio Governo che ci prova di nuovo; il nuovo Parlamento che già sa di vecchio; Silvio con gli 8 punti nuovi di zecca (tutti sulla fronte mi piacerebbe vederglieli) che non è riuscito a realizzare quando il Parlamento era rimpinzato di PIDIELLI, e li vuole attuare ora con i PIDDÌ; i 5 Stelle, che pur essendo ben più di 5, se ne stanno con le mani in mano (5 dita più 5); Napolitano che fa il Presidente (e 1!), il Parlamentare (e 2!), il Ministro e il Giudice (3 e 4), ci manca solo che si travesta da black block e facciamo 5; frati che depredano le casse dei loro dipendenti e li lasciano senza stipendio per comprarsi casali in mezzo al verde e centri benessere; i silenzi che d’improvviso calano su scandali, banche e suicidi. Mi sembra di essere una mosca sulla carta moschicida: più mi agito, più m’invischio. La verità è che sono di malumore perché ho passato due male nottate. Domenica sera ho guardato un programma spaventoso: vampiri che succhiano il sangue dal collo di povere vittime ignare; mostri che al calar delle tenebre svuotano di senso le esistenze di inermi creature cadute nel sonno della ragione e dei sentimenti; esseri senza scrupoli che giocano a moscacieca con chiunque gli capiti a tiro, facendo precipitare ognuno in una spirale di ignavia e incoscienza. No, così non va, la devo smettere, la Domenica sera, di vedere Report, con la Gabanelli. Forse è meglio che mi converta pure io alla Domenica Sportiva, nella vana speranza di fare goal, anche se per interposta persona. A proposito, non è che per caso qualcuno pensa che sia ancora una questione vecchia e superata quella dei supermega stipendi dei pedatori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *