Mer. Lug 24th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Grande successo per Enrico Montesano a Manfredonia

2 min read
L'attore: vogliono renderci tutti più poveri per controllarci meglio
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
image001Letteralmente gremito l’Auditorium dei Celestini di Manfredonia per festeggiare l’arrivo del grande Enrico Montesano nella cittadina pugliese.
Enrico Montesano ultimamente si è cimentato anche nella scrittura, riscuotendo molto successo di pubblico e di critica con Un alibi di scorta.
“La scrittura aiuta: è come una navigazione solitaria. Quando si arriva alla fine del libro si è un po’ più soddisfatti, forse perché si è più maturi per aver affrontato le difficoltà, come un navigatore solitario”. Lo ha detto Enrico Montesano nell’ambito della rassegna libraria “Tra Palco e Realtà”, organizzata dal Comune di Manfredonia, fortemente voluta dal sindaco Angelo Riccardi .
Durante l’intervento , un concetto già espresso in uno spettacolo del grande artista (da “E’ permesso..”: ‘basta con destra e sinistra..ora la divisione è tra sopra e sotto! Noi stiamo sotto..e ci siamo stufati di quelli che stanno sopra..ma non parlo dei politici che, tra l’altro si accontentano delle briciole e fanno il teatrino, no, no, mi riferisco a quelli che stanno sopra sopra sopra…molto più ‘sopra’): “In Italia la divisione fra destra e sinistra è una divisione dell’Ottocento, la trovo una divisione superata, antica, oggi la divisione è fra sopra e sotto, mi pare che noi, cittadini, siamo sotto, e gli altri stiano sopra. Faccio riferimento a chi sta sopra ai politici, lei pensa che possano risolvere qualcosa i nostri politici? I nostri politici prendono ordini da chi manovra i grandi capitali del Mondo. In Italia c’è una sovranità limitata, perché c’è un progetto per togliere all’Italia un po’ di sovranità per de-industrializzare il nostro paese, iniziato già qualche anno fa, per impoverirci un po’ tutti, per indebitarci, perché i paesi che hanno i debiti si controllano meglio. I nostri problemi li potranno risolvere i cittadini italiani attraverso una rivoluzione individuale, culturale e si cambierà il nostro modo di pensare. Sono un po’ scettico che questo avvenga, ma necessario sperare”. Poi la sala e il dibattito: “le donne rappresentano una base dalla quale ripartire”.
Un Enrico Montesano in grandissima forma che ha ammaliato il numero pubblico presente, che si è riconosciuto pienamente nelle sue argute battute, con le quali riesce a comunicare con tutti, solo come i numero uno riescono a fare. Le sue sono state parole semplici, battute azzeccate che non si possono che condividere e applaudire con una standing ovation meritatissima.
Un Enrico Montesano, quello che abbiamo visto a Manfredonia, combattivo, simpatico, ironico, con tante belle sorprese nel cilindro, ma questa è un’altra storia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *