Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Green Clean Market contro colletti bianchi e business sporchi

Green Clean Market contro colletti bianchi e business sporchi

Green Clean Market contro colletti bianchi e business sporchi

Green Clean Market. Ovvero un progetto volto a prevenire e a contrastare la distorsione di mercato nei settori ad alta innovazione della green economy.
L’iniziativa arriva anche a Salerno e sarĂ  presentata l’11 settembre presso la sede della Camera di Commercio.
Alla giornata di presentazione parteciperanno Anna Lori e Umberto Ambrosoli, moglie e figlio di Giorgio, avvocato esperto in liquidazioni coatte amministrative, assassinato nel 1979 da un sicario ingaggiato dal banchiere Sindona, sulle cui attivitĂ  Ambrosoli indagò nell’ambito dell’incarico di commissario liquidatore della Banca Privata Italiana.
I familiari di Ambrosoli presenteranno a Salerno il premio nazionale “Giorgio Ambrosoli”, un modo per far generare sinergie, rafforzando l’efficacia del processo di sensibilizzazione al programma Green Clean Market.
Alla presentazione dell’iniziativa sarĂ  presente anche Giuseppe De Rita, fondatore del Censis e Presidente della fondazione R.ETE. Imprese Italia che terrĂ  una comunicazione/lezione dal titolo “Le correlazioni fra stato di diritto e corretto funzionamento dell’istituzione mercato” a cui seguirĂ  un dibattito.
Prevista, per martedì pomeriggio, una prima riunione del tavolo tecnico che, sotto l’egida del Ministero dell’Ambiente, ha l’obiettivo di individuare percorsi condivisi per l’elaborazione e l’adozione di “policy statements” in materia di green economy e per l’adozione di strumentazioni preventive (procedure di trasparenza, patti di integritĂ , codici etici, politiche educative, politiche di sensibilizzazione della pubblica opinione).
Tra gli obiettivi c’è anche quello di istituire a Salerno un polo meridionale di promozione dei temi relativi al rapporto legalitĂ -corretto funzionamento dell’economia.
Il progetto punta, tra le altre cose, a rafforzare i meccanismi preventivi dei reati economici, come per esempio la corruzione e la frode nei settori della green economy e a creare una mappa del settore del cosiddetto “green market”, come sensibilizzare la società civile alla creazione di un terreno favorevole per la diffusione di pratiche virtuose.
Il progetto “Green Clean Market” ha, tra i principali obiettivi: mappare scientificamente il settore del green market; esaminare i possibili rischi di corruzione e frode e i trend del settore; promuovere la cooperazione tra Enti per identificare le migliori soluzioni e best practices; elaborare un frame di riferimento al servizio di tecnici, amministratori e decisori per intervenire sul tema con regole specifiche; sensibilizzare tutti per creare un terreno favorevole alla diffusione di pratiche virtuose.

 

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto