Mer. Lug 17th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Guida Gambero rosso, le perplessità di Lopa per l’assenza di pizzerie napoletane

2 min read
Lopa: presenza massiccia ristoranti campani rappresenta una grande opportunità per il territorio fino ad oggi fortemente sottovalutata-Perplessità per la non presenza di Pizzerie Napoletane
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
La massiccia presenza di ristoranti della Campania, in particolare della Provincia di Napoli, ai vertici nella edizione 2013 della guida del Gambero Rosso, rappresentano nel mondo una grande opportunità per il Paese fino ad oggi fortemente sottovalutata. Quale altro Paese al mondo, esclusa la Cina, ha la fortuna di avere una rete di ristoranti che ha migliaia di contatti l’anno. In una fase economica drammatica come quella italiana non dovremmo sprecare qualsiasi opportunità di ripresa. Ed export alimentare e soprattutto turismo sono settori che possono darci molto in questo senso. Cosi è intervenuto il Delegato all’Agricoltura e delle attività agroalimentari del Presidente della Provincia di Napoli, già Rappresentante della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, Rosario Lopa. Che ha sottolineato l’importanza di un nuovo approccio per la ristorazione partenopea, attraverso il metodo della filiera e della concertazione dove si dia sempre più spazio alle metodiche di preparazione, grazie alle capacità dei nostri chef che utilizzano i prodotti di qualità e di eccellenza della nostra provincia. Ma voglio anche sottolineare, ha proseguito l’esponente dell’Agricoltura, la mia perplessità sulla totale assenza di Pizzerie napoletane, nella categoria riservata alla Pizza. Credo che il metodo di valutazione per quest’ultime vada rivisto, alla luce della tutela della tradizione valorizzazione della ricetta che si è avuto con il riconoscimento europeo del Stg (specialità tradizionale garantita) che promuove proprio le metodiche di preparazione attuate dai nostri Pizzaiuoli. Tutti parlano di territorio, noi invece puntiamo a valorizzarlo al meglio, attraverso, appena le condizioni istituzionali ce lo consentiranno, ha concluso Lopa, la formazione della Consulta Provinciale dei Ristoratori della provincia di Napoli che avvierà processi di messa a sistema della filiera con la creazione di una banca dati, del Distretto Culinario e del Premio Città dei Cuochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *