Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Hillary Clinton annuncia la tregua a Gaza ma il fronte resta caldo

Hillary Clinton annuncia la tregua a Gaza ma il fronte resta caldo

Hillary Clinton annuncia la tregua a Gaza ma il fronte resta caldo

È entrato in vigore l’accordo tra israeliani e palestinesi per il cessate il fuoco, dopo oltre una settimana di operazioni israeliane contro la Striscia di Gaza e lancio di razzi dal Territorio palestinese contro Israele. L’annuncio ufficiale della tregua a Gaza è scattato alle 19.00 (le 20.00 in Italia) dopo una settimana di spargimenti di sangue costata la vita a oltre 150 persone. Il segretario di Stato americano, Hillary Clinton, e il ministro degli Esteri egiziano, Mohammed Kamel Amr, (nella foto) hanno parlato nel corso di una conferenza stampa congiunta al Cairo esprimendo soddisfazione per l’intesa. «Gli Stati Uniti salutano l’accordo di oggi per il cessate il fuoco. Nei prossimi giorni, gli Usa lavoreranno con i loro partner nella regione per consolidare questo progresso», ha detto la Clinton. Anche il leader di Hamas, Khaled Meshaal, dovrebbe tenere una conferenza stampa nella capitale egiziana. Finisce meglio di come è iniziata la giornata di oggi: era salito ad almeno 28 feriti, infatti, il bilancio provvisorio dell’attentato dinamitardo contro un autobus a Tel Aviv. Lo riferiscono le autorità locali. L’azione è stata rivendicata con un breve comunicato dalle Brigate al-Aqsa, ala militare della Jihad Islamica. Nella nota si sottolinea come l’esecutore dell’attacco dinamitardo, che ha causato il ferimento di almeno 28 persone, e sia riuscito a fuggire indisturbato. In precedenza Hamas, l’altro gruppo radicale principale attivo nella Striscia di Gaza, aveva invece evitato di accennare a un proprio coinvolgimento, pur elogiando l’accaduto. A Gaza gli aerei israeliani hanno continuato a bombardare causando anche oggi una decina di morti.
Finora il bilancio di una settimana di scontri parla di oltre 140 morti fra i palestinesi della Striscia di Gaza e di cinque vittime israeliane colpite dai razzi di Hamas sparati da oltre il confine. Per arrestare gli scontri resta fondamentale il ruolo di mediazione dell’Egitto.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1292

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto