HySolarKit: trasformare un’auto in un veicolo ibrido solare

HySolarKit: trasformare un’auto in un veicolo ibrido solare
di Gianfranco Rizzo*

Gli studenti del Campus di Fisciano, che si erano abituati a veder girare uno strano furgoncino elettrico con pannelli fotovoltaici ed un gruppo generatore, potranno a breve imbattersi in una FIAT Punto rivestita di celle solari e con un logo sulle fiancate: HySolarKit. E’ il primo prototipo di vettura convertita in veicolo ibrido-solare, con un kit di trasformazione brevettato e messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Salerno.
Hy, che è anche una forma di saluto per il nuovo arrivato, è però l’inizio di Hybrid, ed indica che l’auto è diventata un ibrido: al motore tradizionale, che muove le ruote anteriori, si affiancano i due motori elettrici integrati nelle ruote posteriori (wheel-motors). In questo modo, è possibile recuperare ed inviare ad una batteria addizionale l’energia connessa alle frenate, energia che è invece normalmente dissipata nei freni. E che potrà poi essere utilizzata per azionare le ruote posteriori, riducendo il lavoro delle ruote anteriori mosse dal motore tradizionale, e tagliando così consumi ed emissioni. Le celle fotovoltaiche contribuiscono poi a ricaricare la batteria, anche nelle fasi di parcheggio (quando non chiudiamo l’auto in garage, ovviamente).
Si arriva così a ridurre consumi ed emissioni anche del 20%, in un tipico utilizzo urbano. Ma con un veicolo che è diventato un 4×4, guadagnandoci in prestazioni, e che può muoversi anche come veicolo elettrico, ad emissioni zero. Il kit, che potrà costare tra i 3000 ed i 4000 Euro, permetterà quindi di avere buona parte dei vantaggi di un veicolo ibrido (e solare), e di accedere alle Zone a Traffico Limitato, con un costo di investimento molto ridotto rispetto all’acquisto di una nuova vettura ibrida. Tra l’altro, la crisi economica renderebbe poco realistica una rottamazione generalizzata dei veicoli attuali, in favore di veicoli ibridi o elettrici.
L’idea, brevettata, è anche alla base di un progetto imprenditoriale, che potrà concretizzarsi a breve in uno spin-off accademico, e che ha già ricevuto diversi riconoscimenti in più di una competizione (“Il talento delle idee” di UniCredit, “Start Cup Campania 2012”, “Up Start” di Confindustria Salerno). Con l’obiettivo che HySolarKit, dopo essersi fatto le ossa tra i viali del Campus, possa essere presto sviluppato e prodotto in Campania.
Per saperne di più: www.hysolarkit.com.

* Presidente Area Didattica di Ingegneria Meccanica e Gestionale
Dipartimento di Ingegneria Industriale
Università di Salerno
http://publicationslist.org/grizzo

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *