Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Editoriali&Opinioni » Interventi » I dibattiti / Mezzogiorno, analisi datate

I dibattiti / Mezzogiorno, analisi datate

I dibattiti / Mezzogiorno, analisi datate

Diamo inizio, con quest’intervento di Angelo Giubileo, al nostro dibattito sul tema dell’impegno della borghesia del Sud e della libera partecipazione dei cittadini alla vita sociale, che appaiono ancora un’utopia.

di Angelo Giubileo

colonneChe su un argomento quale il Sud d’Italia si siano registrati oceani di parole, significa essenzialmente che non ci sarebbe più nulla da aggiungere, ma anche che, essendo per l’appunto innumerevoli le cose che sono state dette, si può fare anche notevole fatica a capire dove si trovi, in estrema sintesi, la verità del discorso. Un esempio per tutti, è oggi rappresentato dall’anacronistica riproposizione di un conflitto ideologico tra neostatalisti e neoborbonici, con l’unico effetto di alimentare in merito all’affaire (termine che preferisco, rispetto a quello generico, anche se senz’altro evocativo, di questione) una sorta di ripetuto e rinnovato cupio dissolvi.

L’analisi dei temi ed argomenti, proposti da Andrea Manzi con consueta maestria, mi spinge ad una riflessione, lapidaria, in ordine al tema del ruolo e della funzione, in passato sì svolti dalla borghesia o anche dal ceto medio nel corso di un secolo e mezzo circa di storia, ma che nel presente viceversa ritengo abbia ben poco da svelarci. E cioè, nel contesto di un processo globale di trasformazione dell’individuo, della società e dell’economia, che già da qualche tempo siamo adusi definire postindustriale.

E pertanto, a mio modesto parere, gli errori di analisi e di giudizio (in passato, si sarebbe piuttosto parlato di colpe) derivano soprattutto dall’uso di “categorie” inappropriate, perché essenzialmente antistoriche. Per ciò che concerne sia il profilo fondamentale di analisi culturale sia di sviluppo di una società che, al di qua di una nuova possibile utopia e viceversa alla stregua di un nuovo e sempre più diffuso pensiero postmoderno, dovremmo ritenere altrettanto aliena da forme concettuali di classismo.

(www.iconfronti.it)

 

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3631

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto