I mercati “bocciano” Draghi: borse giù, spread a 505

(Ansa) È stata una giornata nera per le borse. Tuttavia, gli spread “eccezionalmente alti” sono “inaccettabili” e la Banca centrale europea si tiene pronta a nuove misure non convenzionali di politica monetaria per affrontare la situazione sui mercati e i premi di rischio. Lo ha detto il presidente Mario Draghi (foto) sottolineando che l’euro è irreversibile e che il consiglio Bce “nel suo mandato e nella sua indipendenza potrebbe fare interventi diretti sui mercati” nelle prossime settimane.
Nella sua forma attuale il fondo di salvataggio ‘”Esm” che l’Europa sta per lanciare non è una “controparte” in grado di accedere ai finanziamenti della Bce. Fra le altre opzioni che la Bce sta studiando, accanto agli interventi sui mercati dei titoli di Stato, c’è la possibilità di riprendere i maxi-prestiti alle banche e la revisione delle garanzie chieste alle banche in cambio di liquidità. I governi – ha detto Draghi – devono attivare i fondi di salvataggio Efsf ed Esm quando ci sono le condizioni.
Inoltre i paesi della zona euro devono attuare le riforme” e le raccomandazioni ricevute. “Le azioni dei governi – ha detto poi Draghi – sono essenziali per ristabilire” una corretta trasmissione della politica monetaria che “non può riempire il vuoto” rappresentato da squilibri nei conti pubblici o nella discesa della competitività su cui appunto i governi devono agire.
“Non c’è stata alcuna retromarcia rispetto al mio discorso di Londra della scorsa settimana” sostiene Draghi con chi gli chiede di eventuali passi indietro rispetto al suo discorso di qualche giorno fa in cui affermava che la Bce avrebbe fatto tutto per salvaguardare l’euro. “Leggete il discorso – spiega Draghi ai giornalisti – non ho parlato di titoli di stato ma ho detto che l’eurozona è forte e l’euro è irreversibile”. I mercati “hanno frainteso” aggiunge.
MONTI: BCE; NESSUN PASSO INDIETRO MA PASSI AVANTI – “Ho dato solo una prima rapida lettura. Faccio poche osservazioni su punti che mi hanno colpito per il lodo inserimento nella cornice” tracciata dai capi di Stato e di Governo nell’ultimo consiglio Ue: “Vedo passi avanti e nessun passo indietro. Forse i mercati non hanno valutato appieno il discorso di Draghi dovendo agire nel millesimo di secondo successivo”, ha detto il presidente del Consiglio Monti.
BORSA: EUROPA BRUCIA 88 MLD, MILANO 14 DA SOLA – Giornata difficile per le Borse dell’area euro: l’indice Stoxx 600 ha ceduto l’1,25%, che equivale a 88 miliardi di euro bruciati in una seduta. Piazza Affari, la peggiore Borsa della giornata assieme a Madrid, con un calo del 4,20% dell’indice Ftse All, accusa da sola una ‘perdita’ di 14,2 miliardi di euro di capitalizzazione.
SPREAD SORPASSA SOGLIA 500 PUNTI – Lo spread Btp-Bund sorpassa la soglia dei 500 punti quando mancano pochi minuti alla chiusura dei mercati. Il differenziale segna quota 508 punti con un rendimento del 6,31%. In volo anche lo spread dei bonos spagnoli a 585 punti con un rendimento del 7,084%.
BCE LASCIA TASSI INVARIATI, POSSIBILI TAGLI – La Bce, nella riunione odierna, ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,75%, all’1,50% e allo 0,00%. Il consiglio Bce -h adetto Draghi – ha discusso un nuovo taglio dei tassi ma i membri hanno concordato sul fatto che “adesso non è il momento”.
EURO SOTTO 1,22 DOLLARI SU PAROLE DRAGHI – Euro in calo, sotto 1,22 dopo il discorso del presidente della Banca centrale europea Mario Draghi. Stamani, con l’avvio dei mercati europei, l’euro era in rialzo a 1,2247 dollari e durante l’intervento di Draghi era arrivato a 1,2339 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *