Lun. Ago 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Ictus e infarto, i killer degli europei: convegno a Roma

2 min read
L’Associazione Culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori” promuove e propone giovedì 11 ottobre 2012 presso la Sala della Mercede di Palazzo Marini, Camera dei Deputati, in Roma, il convegno dal titolo “Focus cardiovascolare – Fibrillazione atriale ed ictus. La Prevenzione e/è la cura”.
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
L’Associazione Culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori” promuove e propone giovedì 11 ottobre 2012 presso la Sala della Mercede di Palazzo Marini, Camera dei Deputati, in Roma, il convegno dal titolo “Focus cardiovascolare – Fibrillazione atriale ed ictus. La Prevenzione e/è la cura”.
Per diffondere e sensibilizzare l’opinione pubblica verso una cultura di prevenzione perfettamente integrata nel vivere quotidiano, e quindi attraverso l’informazione sulla fibrillazione atriale, sul suo legame con l’ictus, sulle più moderne terapie e sulle modalità di prevenzione e cura, al fine di giungere all’attivazione di più incisive campagne per l’applicazione di un corretto stile di vita.
Informazione, prevenzione e cura, a livello di sistema, di organizzazione, fino al singolo operatore, verso il cittadino e tutti gli altri portatori di interesse: tale è l’obiettivo da perseguire.
Ogni anno in Europa quasi due milioni di persone sono colpite da infarto e ictus che sono ormai, è proprio il caso di dirlo, i veri e forse gli unici killer degli europei.
Chi soffre di fibrillazione atriale ha un rischio di ictus 7 volte maggiore rispetto a pazienti con ritmo sinusale, in quanto, in genere, la lesione del sistema nervoso è più grave ed anche la disabilità che ne deriva è maggiormente marcata. Infatti, gli ictus correlati alla fibrillazione atriale sembrano avere esiti particolarmente gravi e più precisamente:
nel 20% dei pazienti, l’ictus si rivela fatale;
nel 60% dei pazienti è causa di disabilità;
il 50% di coloro che sono colpiti da ictus in seguito a fibrillazione atriale muore entro il primo anno.
Tuttavia, in conseguenza e a causa di una generalizzata disinformazione, molti pazienti non sono a conoscenza della reale portata del problema e delle moderne terapie capaci di prevenire l’ictus. A tal proposito, occorre sensibilizzare l’opinione pubblica sulla fibrillazione atriale, sul suo stretto legame con l’ictus e sulle modalità di prevenzione, terapia e cura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *