Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Selce & silicio » Il 21 marzo 2006 primo cinguettio: Twitter ha compiuto 7 anni

Il 21 marzo 2006 primo cinguettio: Twitter ha compiuto 7 anni

Il 21 marzo 2006 primo cinguettio: Twitter ha compiuto 7 anni

Twitter_MEC_ResearchSette anni di vita per Twitter che ieri ha festeggiato il suo anniversario di vita. Per l’occasione il popolare social network del cinguettio ha realizzato un video che spiega come sia diventato in sette anni una piattaforma di comunicazione globale.
Il 21 marzo 2006 l’amministratore delegato Jack Dorsey inviò il primo tweet. Da allora, il numero degli utenti è cresciuto in maniera esponenziale, raggiungendo quota 500 milioni. I numeri parlano anche di oltre 400 milioni di tweet inviati al giorno e 1,6 miliardi di ricerche effettuate ogni 24 ore.
Il numero di utenti e di messaggi da 140 caratteri continua ad aumentare sempre più: secondo alcune stime lo scorso anno venivano scritti 340 milioni di tweet al giorno.
Il social network, che consente di dire ciò che si vuole in un numero di caratteri disponibili inferiore rispetto a quelli di un tradizionale sms, ha consentito di rendere anche i personaggi pubblici più vicini alla quotidianità di tutti. Twitter ha infatti investito energie nel tentativo di far avvicinare al social network persone famose. Uno degli esempi più eclatanti è quello del Papa emerito Benedetto XVI con il suo account @Pontifex che sarà ora usato da Papa Francesco.
Finora il social network è stato utilizzato anche per diffondere le notizie: disastri naturali ed eventi globali stanno avendo da sei anni a questa parte una copertura anche tramite i social network e senza filtro: le informazioni non arrivano solo dai giornalisti, ma anche dagli utenti che diventano protagonisti e commentatori di ciò che vivono. Fondamentale anche il ruolo della piattaforma di microblogging come canale per dare voce alle proteste, come accaduto nel caso della Primavera araba.
E chi sono i più seguiti su Twitter? Secondo alcune rilevazioni, sul podio nel nostro Paese c’è Valentino Rossi, seguito da Jovanotti e Beppe Grillo.

(b. r.)

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto