Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Il calvario dei docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio

Il calvario dei docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio

Il calvario dei docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio
di Patrizia Caira, Raffaella Diana, Daniela Gardiol, Arianna Formato*

Noi Amministratrici del Gruppo “Docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio” siamo quattro Docenti con anni di servizio: insegniamo in ordini di scuola differenti e su Classi di Concorso disparate. Anche geograficamente proveniamo da Regioni eterogenee, e i nostri stili di vita sono altresì variegati. Siamo dunque quattro persone, quattro Donne, con singolari specificità e criticità ma un unico sogno ci rende eguali: vedere restituita la dignità ai Docenti italiani, in generale, ed in particolare ai Docenti di III Fascia. Denominatore degli utenti del NOSTRO Gruppo.
Dignità, diritti, equità: lemmi a tratti obsoleti come è altresì desueta la vergogna non manifesta da chi dovrebbe nutrirne in questo momento storico, politico, economico e culturale decostruttivo per la Pubblica Istruzione italiana.
Noi, invece, abbiamo fatto esperienza della vergogna, perché ci indigniamo ogni volta che utenti del nostro Gruppo ci confidano le loro vicissitudini, che sono allineate alle nostre. Talvolta, sono autentiche angosce che hanno recentemente indotto il collega Carmine Cerbero a un gesto estremo, irreversibile.
Grosso modo, rabbia e rivolta evolvono da:
1. TFA Ordinario: numerosi Docenti di III Fascia, sebbene superate le prove di sbarramento, non ne formalizzano l’iscrizione, poiché non possono conciliare incarico a scuola e frequenza.
Da molteplici fronti è stata inoltrata la richiesta di attivare corsi online o di accordare una frequenza frazionata per i suddetti lavoratori-novelli studenti. INASCOLTATI.
2. TFA SPECIALE: molti Docenti con servizio perseverano in una snervante attesa del TFA SPECIALE. Ma la modifica del DM 249/2010 sembra insistentemente sostare nei numerosi palazzi che ospitano l’iter legislativo. Esimio Prof. Ministro, dove è e quando sarà bandito il Decreto? NESSUNA RISPOSTA.
3. Concorso a Cattedra: il Concorso a Cattedra ha escluso molti Docenti con servizio scegliendo tra i requisiti di accesso il criterio dell’Anno Accademico di conseguimento del titolo di studio per i candidati laureati.
Noi, Docenti quotidianamente e con anni di servizio, siamo “interrogati” da persone che esercitano (libere) professioni altre su quali strumenti adottare in preparazione al Concorso. Se vincitori, costoro non si dimetteranno dalle loro attività. D’altronde, a scuola si è vincolati solo sino a ora di pranzo. GRAZIE MIUR, obiettivo centrato.
4. La Direttiva comunitaria 2005/36 CE, ignorata dal MIUR, sta incrementando un effetto poco proficuo: i cittadini italiani restano precari- ultimi tra gli ultimi NOI Docenti di III^ Fascia- e nelle GaE sono immessi i Docenti abilitati di nazionalità altra. GRAZIE MIUR (bis)
L’elenco numerato potrebbe avanzare ma volutamente ci fermiamo ai 4 sopracitati poiché ci paiono efficaci ed esaustivi. La NOSTRA aspettativa? Fare la differenza, essere valore aggiunto, procedere aggiungendo e non seguitando a sottrarre. Auspichiamo quindi che il nostro Gruppo, quasi 4000 utenti possa, coralmente, farsi ascoltare e vedere da un MIUR che si palesa oramai attraverso una sordità acuta e cecità pressoché cronica.

* Amministratrici Gruppo FB “Docenti non abilitati con almeno 360 giorni di servizio”

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3627

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto