Il Governo taglia numero e prebende dei consiglieri regionali

Il Governo taglia numero e prebende dei consiglieri regionali

Abbattimento del numero di consiglieri del 35 per cento, riduzione delle spese politiche, riduzione degli emolumenti e delle indennità, passaggio dei vitalizi al metodo contributivo, controlli affidati alla Corte dei Conti ed eliminazione dei monogruppi nei consigli regionali. Sono i punti indicati dai presidenti delle regioni per attuare il taglio dei costi della politica. Il documento è stato trasmesso al Governo chiamato oggi pomeriggio a mettere a punto il decreto con il quale si darà completa attuazione al provvedimento. «Noi ci siamo confrontati con le linee fondamentali del decreto, che va nella stessa direzione di quanto indicato dalla Conferenza delle Regioni», ha spiegato il Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. La proposta approvata all’unanimità dalla Conferenza delle Regioni prevede inoltre di fissare il numero delle commissioni consiglieri permanenti o speciali, da un minimo di quattro a un massimo di otto. «Ora si vada avanti», ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *