Ven. Ago 23rd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Il nuovo patto Renzi-Berlusconi

2 min read
di Ernesto Scelza

Ernesto Scelza

di Ernesto Scelza
Ernesto Scelza
Ernesto Scelza

Archiviato uno stentato voto al Senato sul progetto di riforma costituzionale, abbiamo sentito ancora una volta una raggiante Ministra Maria Elena Boschi dire che “le riforme costituzionali si fanno con tutti, oggi le facciamo con ForzaItalia per non governare assieme a ForzaItalia domani”. La dichiarazione tradisce la preoccupazione del Governo di essere troppo condizionato dal ‘nonpiùCav’. Tanto più che al Senato non è vero che si sia dialogato con tutti. Lo si è fatto con Fi, soprattutto. E prima del voto c’era stato un nuovo incontro tra Renzi e Berlusconi. Incontro lungo, in cui si dice che il ‘nonpiùCav’ abbia posto quello della giustizia come il terreno cui condizionare i -probabilmente necessari- prossimi soccorsi al Governo. E torniamo, così, ad un tema su cui si è avvitata la democrazia italiana negli ultimi decenni. Riemergono fantasmi. Ricordate quando da più parti, specie dalla ‘società civile’ si suggeriva a Renzi il nome di Nicola Gratteri, allora Procuratore a Reggio Calabria, quale ‘Ministro di Grazia e Giustizia’? Si seppe che Matteo Renzi aveva inserito il suo nome nella lista dei ministri. Ma lo avrebbe depennato su indicazione di Giorgio Napolitano. Che continuava a perseguire la sua particolare visione degli assetti politici e istituzionali del Paese. Forte –anzi,fortissimo- per la riconferma a ‘furor di Parlamento’ alla carica di Presidente, che lo aveva trasformato da ‘Custode della Costituzione’ a ‘Capo della Repubblica’. Confermandolo nell’esigenza di un ecumenico patto Pd-Fi. Poi Gratteri sarà recuperato, ma non da Renzi, ma dalla ‘Commissione parlamentare Antimafia’, che lo ha chiamato quale suo consulente. In autunno Gratteri consegnerà alcune sue ipotesi di riforma di norme e procedure giudiziarie. Aspettiamo a vedere se reggerà il nuovo ‘Patto del Nazareno’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *