Il Pd presenta i candidati in presenza di quadri e sindacato

Il Pd presenta i candidati in presenza di quadri e sindacato

guglielmo_epifani_sciopero_statali_ansaAlla Stazione marittima di Napoli, in una sala gremita di quadri di partito e esponenti sindacali più che di società civile, il Partito democratico presenta i candidati napoletani alla Camera e al Senato. Con il segretario provinciale Gino Cimmino, ci sono sul palco i capolista Guglielmo Epifani (foto) e Rosaria Capacchione e il numero due in Campania 1 Roberta Agostini, responsabile nazionale della Conferenza delle Democratiche. «Il Pd è l’unico partito che ha un programma per il lavoro e per la legalità seri e che ha la forza dei consensi per portarlo avanti», dice Epifani nel suo intervento. Epifani spiega che la loro sarà una campagna elettorale nel cuore della crisi e che a Napoli, in particolare, bisognerà impegnarsi sul tema del lavoro, «perché in tutto il mondo le aree urbane crescono e non possiamo accettare che in Lombardia si dica di tenere al Nord il 75 per cento delle risorse e poi si viene qui a dire il contrario come fa il centrodestra». «Oggi – aggiunge – è difficile avere tante speranze perché la situazione è drammatica. Però, se si ha una speranza, la si deve avere con il Pd». Nel suo intervento anche una stoccata al premier Monti, «se avesse ascoltato di più avrebbe fatto meno guai» e a chi critica le liste del Pd, perché «ci sono osservazioni fondate, altre meno, ma dentro le nostre liste ci sono tante giovani donne e uomini pronti a combattere per una grande sfida». Il popolo della Cgil plaude calorosamente al suo ex segretario e ci anche chi, come Nanà, storica militante della Federazione di via Torino, sale sul palco per abbracciarlo di persona. «Dalla Campania viene un messaggio di speranza, di lavoro, di possibilità di crescita per il Mezzogiorno a guida meridionale – dice il segretario provinciale Gino Cimmino – con un Pd forte e rinnovato che spazza via le false promesse di chi, come il centro destra, lo ha venduto per propri interessi personali».

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *