Ven. Lug 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Il Pd quasi al 26%, il Pdl al 14 e Grillo sfonda il “tetto” del 20

2 min read
Nuovo sondaggio Agorà: il partito di Berlusconi ormai verso la liquidazione

Continua a crescere il Pd, al 25,9%; prosegue la caduta del Pdl, che perde quasi un punto rispetto alla scorsa settimana attestandosi al 14,3 percento; sfonda la soglia del 20 percento il Movimento 5 Stelle, che arriva al 21%. In difficoltà l’Idv. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato da Swg in esclusiva per Agorà, su Rai Tre, che ha esaminato le intenzioni di voto nazionali e al Nord (dove la distanza tra Pd e Grillo scende quasi al 3%). L’istituto ha anche monitorato la fiducia degli italiani in Monti, che risulta in calo di due punti (dal 39% di una settimana fa al 37% attuale) dopo la presentazione della legge di stabilità. Questo il quadro delle intenzioni di voto nazionali (tra parentesi lo scostamento percentuale rispetto alla rilevazione del 12 ottobre: Pd 25,9% (+0,7). Movimento 5 Stelle 21,0% (+1,6). Pdl 14,3% (-0,8). Lega Nord 6,0% (+0,2). Sel 6,0% (+0,3). Udc 5,2% (-0,6). Idv 4,3% (-1,5). Fli 2,5% ( = ). Rifondazione-Comunisti italiani 2,5% ( = ). La Destra 2,1% (+0,1). Lista Bonino 1,0% (-0,2). Verdi 0,7% (+0,3). Aapi 0,4% (-0,1). Aaltri centrodestra 4,7% (+0,9). Altri centrosinistra 1,4% (-0,1). Aaltri 2,0% (-0,8). – indecisi, non rispondono 29,0% (+2,0). Astenuti 18,0% (+2,0). Questo il quadro delle intenzioni di voto limitato alle regioni del Nord, Emilia Romagna compresa: Pd 25,7%. Movimento 5 stelle 22,4%. Pdl 12,4%. Lega Nord 12,2%. Udc 4,2%. Idv 3,8%. Sel 3,7%. Fli 2,2%. Il sondaggio è stato effettuato dalla SWG Srl-Trieste per “osservatorio Swg” nei giorni 15-17 ottobre 2012, tramite sondaggio telefonico (Cati) e online con metodo online Cawi – su un campione casuale probabilistico stratificato e di tipo panel ruotato di 1100 soggetti maggiorenni (su 5300 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Il campione intervistato online è estratto dal panel proprietario SWG. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza. Margine d’errore massimo: +/- 2,96%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *