Il prezioso operato della Regione Campania

Il prezioso operato della Regione Campania
di Ernesto Scelza
Ernesto Scelza
Ernesto Scelza

È giusto porsi un interrogativo: a che serve la Regione Campania? A ‘chi’ serve la Regione Campania? Lo stesso giorno in cui si ferma la Metropolitana di Salerno, in cui il governo ‘guidato’ dall’ineffabile ‘cosiddetto-governatore’ Stefano Caldoro mostra cosa intenda per ‘sistema del trasporto pubblico regionale’, 51 Consiglieri sono indagati per i rimborsi ‘allegri’ della Regione. Da una parte ci sono i cittadini di Salerno che non potranno più usufruire di un servizio che avrebbe dovuto – addirittura – collegare le città capoluogo tra di loro e con le grandi infrastrutture, ma che, al momento, facilitava almeno il collegamento tra il centro di Salerno e la periferia orientale. E dall’altra gli odiosi membri di una ‘casta’ che con disinvoltura si attribuivano rimborsi per spese fantasiose. Ci si domanderà quale funzione di ufficio coprissero le tinture di capelli o i giocattoli di cui si sono documentate le spese. Ma la verità è che i rimborsi venivano giustificati con fatture e scontrini di ogni tipo, che spesso i Consiglieri raccattavano tra amici compiacenti. Tanto, l’importante era presentare le ‘pezze d’appoggio’. Tanto, i rimborsi erano considerati una ‘normale’ integrazione dell’indennità di consigliere e di assessore. Lo sappiamo tutti che quelle indennità sono da fame, e che senza un piccolo ritocco i nostri poveri politici locali non arrivano a fine mese. L’assurdo è il Governo Renzi ha varato un progetto di riforma che ridisegna l’architettura istituzionale del Paese, e ai nostri rappresentanti regionali verrà chiesto di formare il nuovo ‘Senato delle Autonomie’. L’Italia li invoca, questi campioni di efficienza e di democrazia. Non possiamo tenerceli solo per noi.

Silvia Siniscalchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *