Dom. Set 15th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Il vero colpo lo fa il Napoli, copre d’oro e blinda Cavani

2 min read
«E’ stato un grande gesto da parte del club e del presidente De Laurentiis e io sono molto felice di rimanere a Napoli». Questo le prime parole pronunciate da Cavani dopo avere firmato il nuovo contratto che lo lega al club azzurro fino al 2017. Secondo indiscrezioni il contratto conterrebbe una clausola di rescissione da 60 milioni di euro e l’adeguamento dell’ingaggio consentirebbe a Cavani di guadagnare intorno ai 4,5 milioni di euro a stagione. Cavani ha firmato il nuovo contratto insieme al presidente De Laurentiis davanti ai giornalisti riuniti al centro tecnico di Castel Volturno. «Edinson vuole andare in Inghilterra tra 3 ore, nella fredda Manchester...», ha detto De Laurentiis aprendo, con una battuta, la conferenza-show. «Ho ritenuto giusto dare un'integrazione a Cavani, invece di prendere un altro giocatore», ha aggiunto rispondendo alle domande sul nuovo ingaggio che il giocatore percepirà. L’attaccante, in base al nuovo accordo, è blindato da una clausola rescissoria di circa 63 milioni di euro: «Se qualcuno vorrà portarcelo via, dovrà sborsare questa cifra». «Abbiamo operato in maniera scientifica sul mercato, abbiamo creato una squadra con due giocatori per ogni ruolo perché vogliamo essere all'altezza di tutti gli impegni, in campionato e in Europa League», ha aggiunto il presidente riferendosi alla campagna acquisti. E a tal proposito tempo scaduto per il calciomercato. Si è chius

«È stato un grande gesto da parte del club e del presidente De Laurentiis e io sono molto felice di rimanere a Napoli». Queste le prime parole pronunciate da Cavani dopo avere firmato il nuovo contratto che lo lega al club azzurro fino al 2017. Secondo indiscrezioni il contratto conterrebbe una clausola di rescissione da 60 milioni di euro e l’adeguamento dell’ingaggio consentirebbe a Cavani di guadagnare intorno ai 4,5 milioni di euro a stagione. Cavani ha firmato il nuovo contratto insieme al presidente De Laurentiis davanti ai giornalisti riuniti al centro tecnico di Castel Volturno. «Edinson vuole andare in Inghilterra tra 3 ore, nella fredda Manchester…», ha detto De Laurentiis aprendo, con una battuta, la conferenza-show. «Ho ritenuto giusto dare un’integrazione a Cavani, invece di prendere un altro giocatore», ha aggiunto rispondendo alle domande sul nuovo ingaggio che il giocatore percepirà. L’attaccante, in base al nuovo accordo, è blindato da una clausola rescissoria di circa 63 milioni di euro: «Se qualcuno vorrà portarcelo via, dovrà sborsare questa cifra». «Abbiamo operato in maniera scientifica sul mercato, abbiamo creato una squadra con due giocatori per ogni ruolo perché vogliamo essere all’altezza di tutti gli impegni, in campionato e in Europa League», ha aggiunto il presidente riferendosi alla campagna acquisti. E a tal proposito tempo scaduto per il calciomercato. Si è chiusa all’Atahotel Executive di Milano la finestra estiva del calciomercato. Tra le tante operazioni portate a termine spicca il ritorno Luca Toni alla Fiorentina: il centravanti 35enne, dopo essersi svincolato dagli arabi dell’Al-Nasr, ha deciso in extremis di tornare nel club toscano con il quale, nel biennio 2005-2007, ha segnato 47 gol. I viola hanno inoltre acquistato dal Catania Cristian Llama, vincendo la concorrenza del Palermo. Un altro ritorno illustre è quello di Marco Borriello al Genoa: l’x attaccante di Roma, Milan e Juve prende il posto di Alberto Gilardino, trasferitosi al Bologna insieme al centrocampista Panagiotis Konè. Il Napoli, dopo aver ufficializzato l’arrivo di Bruno Uvini, acquista anche l’esterno Giandomenico Mesto, ex Genoa. Il Siena ha tesserato l’attaccante Ze Eduardo e il trequartista Alessandro Rosina, già in prova da qualche giorno con la formazione di Serse Cosmi. La Roma, nonostante Zeman abbia confermato la fiducia a Stekelenburg, ha chiuso la trattativa con il Danubio per il portiere Mauro Goicoechea. Il Torino si è invece assicurato le prestazioni del fantasista sloveno Valter Birsa e del difensore Alessandro Agostini, ex Cagliari. Inter, Milan e Juventus restano a guardare. I nerazzurri, in cerca di un vice Milito, non sono riusciti a strappare a Lotito il centravanti Sergio Floccari, che dunque resta alla Lazio. Sull’altra sponda del Naviglio i rossoneri hanno provato ad acquistare un esterno sinistro: sul taccuino di Galliani c’erano i nomi di Peluso, Antonelli e Dossena ma nessuna di questa trattativa è andata in porto a causa del rifiuto di Mesbah di lasciare Milanello. I bianconeri, dopo la firma di Nicklas Bendtner, aspettano la finestra invernale del mercato per acquistare un top player.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *