Dom. Lug 21st, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Imitiamo la New York di Bloomberg e adottiamo la bici

2 min read
Mike Bloomberg, miliardario di Wall Street, eletto sindaco di New York all’indomani dell’attacco alle Torri gemelle (settembre, 2001) è al terzo mandato elettorale e si appresta a lasciare il posto di commando della città definite la capitale del mondo a un lotto di contendenti che nel novembre del 2013 si sfideranno per assicurarsi la poltrona di sindaco della città più importante d’America. Tra I meriti assegnati alla sindacatura Bloomberg va certamente quello di essere riuscito, seppure non appieno, a rivitalizzare l’economia di New York attarverso una massiccia promozione tursitica mondiale. E i risultati sono arrivati.
di Vincenzo Pascale, New York City

Mike Bloomberg, miliardario di Wall Street, eletto sindaco di New York all’indomani dell’attacco alle Torri gemelle (settembre, 2001) è al terzo mandato elettorale e si appresta a lasciare il posto di commando della città definite la capitale del mondo a un lotto di contendenti che nel novembre del 2013 si sfideranno per assicurarsi la poltrona di sindaco della città più importante d’America. Tra I meriti assegnati alla sindacatura Bloomberg va certamente quello di essere riuscito, seppure non appieno, a rivitalizzare l’economia di New York attarverso una massiccia promozione tursitica mondiale. E i risultati sono arrivati. Nel 2011 oltre cinquanta milioni di turisti hanno visitato la Grande Mela contribuendo a risollevare l’industria dello spettacolo e dell’ospitalità (alberghi e ristoranti) fortemente colpiti dalla crsisi successiva all’undici settembre e dalla crisi finanziaria iniziata nel 2008.
Tra le novità abbracciate e sostenute dall’amministrazione Bloomberg vi è stata la campagna promozionale e, successivamente, messa in pratica a utilizzare la bicicletta per gli spostamenti nella città di New York ed espressamente a Manhattan. I punti di noleggio di una bici a Manhattan stanno sorgendo come funghi, ogni angolo della città, sicurissima dopo la cura Giuliani della tolleranza zero, è percorribile in bici. La bicicletta sta strutturando un nuovo stile di vita che si accompagna alla cultura del benessere. Non è più sufficiente fare attenzione alla dieta, avere uno stile di vita salutare, ma ad esso si accompagna una filosofia del movimento che prevede sempre meno l’uso della automobile o dei mezzi di trasporto pubblici. Intorno a questo nuovo stile di vita, adottato anche da tanti giovani e meno giovani impegnati in finanza, sta sorgendo una letteratura e un indotto culturale davvero interessante. Migliaia di chilometri di piste ciclabili sono stati tracciati in città e severamente fatti rispettare dalla polizia urbana. Sono nate pubblicazioni che trattano di biciclette, passeggiate cicloturistiche, sofisticati congegni elettronici muniti di GPS da applicare alle bici, indumenta fabbricati con tessuti speciali, capaci di permettere una ventilazione adeguata al corpo. È nato persino uno straordinario Film Festival dedicato alla bicicletta. Ove sono proiettati films e video amatoriali di autori provenienti da tutto il mondo. La città capitale del mondo, per tanti aspetti, guida nel trend mondiale delle novità ha lanciato la sua sfida al veicolo simbolo di progresso: l’automobile. Spostarsi in città in bici è più rapido e più salutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *