Mar. Ago 20th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

In arrivo 460 milioni di euro per la green economy

2 min read
È una straordinaria opportunità per gli imprenditori. La soddisfazione dell’Asso Api

Fig 2.13 Horizontal axis wind turbines near Winterton, NorfolkIn arrivo un fondo per la green economy. Si tratta di finanziamenti per lo sviluppo dell’occupazione giovanile nel settore della cosiddetta economia ecologica, che coinvolge imprese di tutti i settori, di qualsiasi dimensione, e i giovani lavoratori fino a 35 anni.
Pietro Vivone, presidente di Asso.A.P.I. Salerno, Associazione artigiani e piccoli imprenditori, accoglie con interesse l’istituzione di un fondo che ammonta a 460 milioni di euro.
La circolare del Ministero dell’Ambiente che istituisce il fondo è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 25 gennaio.
La circolare del Ministero, in linea con l’istituzione del Fondo Kyoto, permette di ottenere finanziamenti agevolati, per un massimo di seicentomila euro, a tasso fisso dello 0,50% annuo rimborsabile in 5 anni, per piano di investimento nei settori legati alla green economy. Si parla, dunque, di piani di investimento legati alla protezione del territorio, alla ricerca su biocarburanti di seconda e terza generazione, dello sviluppo di fonti energetiche rinnovabili e dell’incremento dell’efficienza negli usi di energia.
L’erogazione del finanziamento agevolato è legato alla condizione che lo stesso preveda assunzioni, a tempo indeterminato, di un numero minimo di 3 lavoratori fino a 35 anni. Se il numero è maggiore, 1/3 dei posti deve essere occupato da giovani laureati fino a 28 anni.
«Ancora una volta il centro studi Asso.A.P.I., in collaborazione con Campania Europa di Raffale Greco, è attento alle esigenze e alle opportunità degli imprenditori – ha dichiarato Vivone – Puntare sull’innovazione e sugli investimenti nel settore energetico è sicuramente una delle soluzioni più adeguate per uscire dalla congiuntura. Oltre a promuovere il bando supporteremo coloro che vorranno partecipare. Solo uniti e con uno spirito di collaborazione si può andare oltre la crisi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *