Gio. Ago 22nd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

In auto con Carmine parlando di poesia e, forse, anche di Dio

2 min read
Il professore Aldo Basile rievoca un inedito e fortuito incontro con Carmine Manzi, avvenuto alcune decine di anni fa. A circa tre mesi dalla scomparsa del poeta, che le comunità della Valle dell’Irno vorrebbero fosse adeguatamente ricordato dalle istituzioni, Basile ricostruisce un dialogo che dà il senso e la misura della incrollabile fede di Manzi nel valore altamente simbolico e relazionale della poesia. Un nesso inestricabile, una forma di religione laica e, forse, non solo laica…

Lo scrittore Carmine Manzi

di Aldo Basile

Il professore Aldo Basile rievoca un inedito e fortuito incontro con Carmine Manzi, avvenuto alcune decine di anni fa. A circa tre mesi dalla scomparsa del poeta, che le comunità della Valle dell’Irno vorrebbero fosse adeguatamente ricordato dalle istituzioni, Basile ricostruisce un dialogo che dà il senso e la misura della incrollabile fede di Manzi nel valore altamente simbolico e relazionale della poesia. Un nesso inestricabile, una forma di religione laica e, forse, non solo laica…

Scorgo Carmine ad una fermata dell’autobus sulla strada che da Nocera porta a Mercato S. Severino; mi fermo con l’auto, lo saluto e mi offro di accompagnarlo.
I convenevoli, cordiali come sempre, la richiesta di informazioni sulle rispettive famiglie e poi la mia domanda di rito:
E con la poesia, come va?
Non finisce mai di stupire, Aldo.
Alludi a qualcosa in particolare?
Ad esempio, a quando durante la notte tra sonno e veglia avverti la bellezza di certi versi, li sistemi anche ma per pigrizia o altro ti abbandoni al sonno, ripromettendoti di trascriverli al risveglio.
Quando, però, la mattina li ricerchi, non ne trovi più traccia nella memoria né ti si offre alcuna possibilità di recupero.
È proprio vero, Carmine. Bisognerebbe, come fanno in tanti, avere sempre sul comodino carta e penna.
Proprio così, Aldo: comunque è motivo di stupore.
Mi pare di capire che attribuisci un particolare significato a tutto questo, Carmine? Pensi che nel corso del dormiveglia si svolga un’attività di intuizione, alla maniera del Pascoli, del mistero della poesia?
Non proprio, Aldo, non proprio, perché l’intuizione assegna al poeta un ruolo attivo, che è da escludere o comunque risulta attenuato nella fase del dormiveglia
Allora pensi ad una forma di disvelamento, come nella visione di Heidegger, nel senso che il mistero trovi il momento favorevole per manifestarsi alla persona?
Anche questo termine non mi pare appropriato, perché trascurerebbe il ruolo della persona/poeta.
E allora come definiresti il fenomeno, Carmine?
Direi piuttosto manifestazione o epifania consapevole del mistero.
Ma, Carmine, credi che in tale congiuntura e forma operi la divinità?
Che ti devo dire, Aldo, …. che ti devo dire: ma lasciami pure qua, sono arrivato.

E mi lasciò con più pensieri di quanto ne avessi prima ma con accresciuta ammirazione per l’uomo: la fede religiosa così solida e priva di dubbi gli imponeva l’umana cura di cercare le tracce del divino in ogni manifestazione.

3 thoughts on “In auto con Carmine parlando di poesia e, forse, anche di Dio

  1. Io sono un cittadino di Castel S. Giorgio…..ma ho avuto modo di conoscere il Maestro Manzi e ne sono rimasto entusiasta per la cultura, saggezza e soprattutto per l’ umanità e l’ umiltà con cui professava i suoi ideali di vita…………..anche Noi in Paese ci meravigliamo come per una Persona di cosi grande respiro che ha portato il nome delle Nostre Comunità fuori dai confini dell’ Italia il Comune di Mercato San Severino , a distanza di cinque mesi, non abbia ancora attivato una sola iniziatva per ricordarlo degnamente………..Noi siamo pronti a mobilitarci…….è il minimo che si possa fare per chi ha scritto delle pagine di storia indelebili per tutti noi.

  2. Potremo tentare noi di dar vita ad un primo movimento per una raccolta di firme.
    Io non vivo più a S. Angelo di Mercato S. Severino, frazione che diede i natali al poeta, ma mi adopererò con quanti ancora conosco e frequento da quelle parti affinché si attivino.
    Poi, se accadrà qualcosa di buono, riferirò a I Confronti.
    Pasquale

  3. Conobbi Carmine Manzi alcuni anni fa. Ebbi dal primo momento la misura di una passione per l’arte senza limiti e di un animo poetico che racchiudeva al suo interno tutte le contraddizioni della vita, sublimandole. Soprattutto, parlando con lui, si ritrovava una fiducia e una serenità che nessuna agenzia educativa era mai riuscita a darmi, né la scuola né la Chiesa.
    Ad un uomo così grande e così buono, il simbolo più alto della vita civile e della coscienza democratica del Comune, per ammissione dello stesso sindaco, andrebbero riservati onori e riconoscimenti che, al momento, non ancora vedo. Come è possibile? Non vorrei che l’umiltà dell’Uomo e la natura schiva dei suoi familiari condannassero alla dimenticanza un simbolo così alto della cultura e della libertà. Perché non si dà il via ad una immediata sottoscrizione per intitolargli una strada importante, magari una piazza? Sarebbe il minimo, ma purtroppo è già molto amaro dover dire cose così ovvie che le Istituzioni avrebbero dovuto già sentire. Mi auguro di sbagliare.
    Vittorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *