In India cellulare vietato alle ragazze: possono innamorarsi

In India cellulare vietato alle ragazze: possono innamorarsi
Foto: leggo.it

Provate, anche solo per un giorno, a vietare l’uso del cellulare a vostra figlia. Sembra un’imposizione impossibile oltre che assurda per chi è abituato ad avere quotidianamente tra le mani il telefono cellulare, che oramai ha le funzioni più disparate ed è sempre meno utilizzato per necessità. Nel nostro Paese diventa difficile far separare il cellulare dagli studenti perfino a scuola, tanto pervasivo è diventato questo mezzo di comunicazione. In Italia l’età media dell’uso del cellulare si è abbassata drasticamente negli ultimi anni: dai sette anni in su i bambini, quasi tutti, sono già dotati di proprio telefono, provocando accesi dibattiti tra i pro e i contro.
Mentre in Italia sembra oramai impossibile che qualche giovane ragazza decida di stare senza i più moderni aggeggi tecnologici che consentono di mettersi in contatto con il mondo, in un paese dell’India, il consiglio comunale ha deciso di vietare alle ragazze di possedere un telefono cellulare, per evitare che abbiano qualsiasi tipo di rapporto con i ragazzi.
La vicenda si sviluppa in un villaggio dello stato nord occidentale del Rajasthan in cui – come riporta oggi il giornale The Times of India – il consiglio comunale (chiamato “panchayat”) di Bhandarez, nel distretto di Dausa, ha vietato alle ragazze di possedere un cellulare. La decisione, presa all’unanimità dall’organo collegiale e destinata a scatenare numerose polemiche, è stata adottata dopo una fuga d’amore di due fidanzatini: una ragazza di casta sociale più alta era scappata via assieme a un coetaneo di cui si era innamorata. I due non sono più tornati dalle rispettive famiglie di appartenenza.
«Siamo molto preoccupati dall’uso dei telefonini che può essere dannoso soprattutto per la gioventù» – ha detto al giornale il leader della comunità, che poi ha aggiunto: «Le ragazze che hanno il cellulare sono facilmente reperibili e questa libertà può creare qualche problema per la loro famiglia».

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *