Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » La A è ricominciata nel segno della Juve e dei sospetti

La A è ricominciata nel segno della Juve e dei sospetti

La A è ricominciata nel segno della Juve e dei sospetti

Il conto alla rovescia è terminato. E’ iniziato il campionato di serie A 2012-2013 ed è già tutto uguale alla fine dello scorso campionato. Juventus superfavorita, per la “vecchia signora” però ci sono problemi dalla squalifica di dieci mesi al tecnico Antonio Conte per il calcioscommesse. E poi c’è la solita questione dei gol fantasma assegnati alla squadra bianconera e del rigore che non andava dato. Soliti favoritismi? O sviste arbitrali? L’atmosfera di festa in casa Juventus per il successo sul Parma nell’anticipo è stata guastata anche da una brutta notizia che proviene dall’infermeria. L’infortunio di Lucio è più grave del previsto: il difensore brasiliano ex Inter, che si era fermato nell’ultimo allenamento prima del match contro gli emiliani per una distorsione alla caviglia destra, si è sottoposto a una risonanza b che ha evidenziato la lesione completa del legamento peroneo-astragalico anteriore. La Juve non ha comunicato i tempi di recupero, ma per il 34enne brasiliano si prospetta uno stop forzato di tre-quattro mesi. Una tegola per la squadra di Conte e Carrera: considerato che anche Caceres sarà indisponibile per un altro mese e che Chiellini sta ancora smaltendo l’infortunio rimediato agli Europei con la Nazionale azzurra, non è da escludere che la Juventus torni sul mercato per acquistare un altro difensore centrale. I nomi più gettonati sembrano quelli di Salvatore Bocchetti del Rubin Kazan e di Marco Andreolli del Chievo. Dopo un’estate di cessioni shock, malumori dei tifosi e mosse di mercato all’insegna del risparmio, riparte il campionato del nuovo Milan. I rossoneri di Allegri, secondi lo scorso anno dietro l’invincibile Juventus di Conte, debuttano a San Siro contro la neopromossa Sampdoria (calcio d’inizio alle 18) e devono subito rispondere ai bianconeri, vittoriosi 2-0 all’esordio contro il Parma ieri sera nell’anticipo. Partiti Ibrahimovic, Thiago Silva e Cassano, e dato l’addio ai senatori, il Milan si presenta al via con tantissime novità. Su tutte quella di Giampaolo Pazzini, schierato al centro dell’attacco con Robinho e Boateng a supporto. A centrocampo maglie da titolare per Montolivo, Nocerino e Flamini. In difesa, causa indisponibilità di Abate, sulla destra giocherà De Sciglio; a sinistra ci sarà Antonini, in mezzo Allegri senza intenzionato ad affidarsi alla coppia Zapata-Bonera. A San Siro arriva una Sampdoria con il morale alle stelle dopo il prestigioso successo di lunedì al Camp Nou contro il Barcellona nel trofeo Gamper. Ferrara sogna il colpo grosso a Milano, ma deve fare i conti con qualche assenza: in attacco Pozzi è squalificato, mentre Maxi Lopez difficilmente verrà schierato perché ancora alle prese con i postumi di una lombalgia. In dubbio anche Juan Antonio, il tecnico blucerchiato dovrebbe affidarsi a Eder e Icardi. Dopo gli anticipi di ieri con i successi della Fiorentina sull’Udinese e della Juventus sul Parma, e dopo la sfida delle 18 tra Milan e Sampdoria, il quadro della prima giornata di Serie A 2012-2013 si completerà stasera con le altre sette partite. L’Inter di Stramaccioni fa il suo debutto sul campo del neopromosso Pescara: i nerazzurri devono fare i conti con l’assenza di Palacio (squalificato) e Maicon (nemmeno convocato e ormai con le valigie in mano). Antonio Cassano, protagonista alla vigilia di un’esplosiva conferenza stampa di presentazione ad Appiano Gentile, dovrebbe partire dalla panchina e trovare spazio nella ripresa. Grande attesa anche per il ritorno di Zdenek Zeman sulla panchina della Roma: i giallorossi ospitano il Catania all’Olimpico e si affidano al tridente d’attacco Lamela-Osvaldo-Totti (il neo acquisto Destro è squalificato). Riflettori puntati anche sul Napoli, che in campionato cerca di ritrovare serenità dopo la burrascosa finale di Supercoppa a Pechino contro la Juventus. La squadra di Mazzarri, priva di Pandev, Zuniga e Dossena squalificati, è di scena a Palermo. Completano il quadro della giornata Atalanta-Lazio, Genoa-Cagliari, Siena-Torino e Chievo-Bologna.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1306

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto