La Chiesa ha dimenticato Gesù Cristo, perciò ha tradito

La Chiesa ha dimenticato Gesù Cristo, perciò ha tradito

ermanno_olmiIl regista Ermanno Olmi (foto) ha scritto una drammatica lettera alla Chiesa, accusandola di aver tradito Cristo. Lo scritto – una tragedia per un credente dover ammettere la “devianza” di una madre particolare e santa – è in uscita da Piemme (pagg. 94, 12 euro) con il titolo “Lettera a una Chiesa che ha dimenticato Gesù”, ma con felino tempismo la Repubblica di ieri ne ha anticipato l’inizio. Il regista confessa “lo stato confusionale” degli individui, che aggrava la convinzione sconsolata che “mai nessun dio è venuto in soccorso dell’umanità”. “Già nel racconto biblico – osserva Olmi – si comincia con un delitto: “Che hai fatto Caino? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo dove sei nato…” dunque, dio ha udito benissimo il grido del fratello ucciso, ma non ha fatto nulla per trattenere la mano fratricida”.
L’uomo è solo, quindi. E la solitudine da sempre tenta di rifugiarsi nel grembo di una madre, anche semplicemente putativa. Ma sopra tutti i pensieri della Chiesa non ci siamo noi, suoi figli, come dovrebbe essere. Soprattutto i più deboli, i più fragili sfuggono al suo sguardo, attratta come essa è dai beni temporali, dai riti e da scandalose condotte. Olmi denuncia la grande contraddizione tra un insegnamento di umiltà e di carità a proposito degli “ultimi” (“… tu, Chiesa, ci dici che sono proprio costoro i primi presso il cuore di Gesù…”) e la costante distrazione materna di cui questa Chiesa è capace “più sollecitata nei fasti dei cerimoniali che nell’annunciare la prima di tutte le santità: quella di coloro che credono in te anche soffrendo per le ingiustizie subite”.
Arriva così la grave accusa alla Chiesa di aver dimenticato (proprio così dice Olmi: dimenticato!) “quel Gesù di Nazareth, falegname e maestro,” che, “col suo esempio, può farci ancora ritrovare la gioia di come spendere il bene prezioso della nostra esistenza”.
Olmi ricorda l’ultimo, solenne grido del cardinale Martini prima di congedarsi dalla vita: “Siamo una Chiesa rimasta indietro di duecento anni, una Chiesa carica di addobbi e orpelli”. E ricorda anche lo scossone che tentò di dare alla comunità dei credenti il Papa buono, Giovanni XXIII, inorridito per la prassi che vedeva la Chiesa affidarsi più alla “liturgia del rito” che alla “liturgia della vita”. Purtroppo, cinquant’anni dopo il Concilio, non è cambiato molto. E da duemila anni Gesù, e noi con lui, ammette sconsolato Ermanno Olmi, risulta essere il grande sconfitto.

(r. c.)

redazioneIconfronti

Un pensiero su “La Chiesa ha dimenticato Gesù Cristo, perciò ha tradito

  1. Chi sa se Piemme farà in tempo a farne avere una copia a tutti i 116 cardinali riuniti in conclave prima che vengano chiusi a chiave nella Cappella Sistina?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *