La Circum si blocca, i passeggeri tornano a piedi e l’azienda nega

La Circum si blocca, i passeggeri tornano a piedi e l’azienda nega

Disavventura per i passeggeri di un convoglio della Circumvesuviana, la ferrovia che collega Napoli con decine di comuni dell’hinterland, da mesi al centro della cronaca per una serie di criticità e malfunzionamenti legati al taglio delle risorse al trasporto pubblico locale da parte del Governo. E che oggi vive le difficoltà del pagamento degli stipendi ai dipendenti e indirettamente le vicende che sta attraversando l’azienda del trasporto pubblico EavHolding. Il treno della Circum, partito dal capoluogo e diretto verso Poggiomarino, si è fermato dopo pochi minuti e non è più riuscito a ripartire. L’azienda ha inviato sul posto un mezzo di soccorso, ma le operazioni di recupero del treno hanno richiesto del tempo ed i passeggeri si sono avviati a piedi, sotto una pioggia battente, lungo la massicciata per tornare in stazione. Nel frattempo la Circumvesuviana è riuscita a recuperare un altro treno, che dovrebbe partire tra breve per trasportare i passeggeri verso Poggiomarino.
Il fatto che i viaggiatori del treno della Circumvesuviana rimasto fermo siano tornati a piedi in stazione è stato smentito. “Sono rimasti a bordo” in attesa della soluzione del problema: lo scrive il capotreno nella sua relazione di servizio. Nel pomeriggio fonti qualificate della dirigenza dell’azienda avevano invece riferito che i passeggeri, stanchi dell’attesa, erano scesi dal convoglio e rientrati a piedi nella più vicina stazione. Il treno, partito da Napoli alle 15.42 e diretto a Poggiomarino, era andato in avaria circa 300 metri prima della fermata di Gianturco. E’ stato raggiunto da un convoglio di soccorso, che però ha trovato difficoltà nel trainarlo. Stando alla relazione del capotreno sono state effettuate varie manovre (una delle quali ha causato lo spegnimento delle luci nel convoglio) e alla fine si è riusciti a far retrocedere i due treni, giunti nella stazione di piazza Garibaldi alle 17.10.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *