Home
Tu sei qui: Home » Il logonauta » La cultura di Mangiafuoco e dei suoi burattini

La cultura di Mangiafuoco e dei suoi burattini

La cultura di Mangiafuoco e dei suoi burattini
di Roberto Lombardi

image

Il De Sindaco (De Luca) è sceso nella polemica sull’esodo salernitano (da e verso) da par suo: «Somari, onagri, muli, bestie da soma, andatevene a fan tutti!» (chiaro il colto riferimento mozartiano). E dire che fin dal suo primo mandato aveva chiaramente fatto intendere di non voler puntare sulla cultura (alta o bassa che sia), di non avervi né trasporto né tantomeno inclinazione; per quinquenni è mancato l’assessorato relativo, e quando si è deciso a nominarne il rappresentante, lo ha relegato a un servizio, praticamente, senza portafogli. Agli uomini politici, ahimé, è fatto obbligo di esprimersi su ogni argomento: fisica, religione, morale, filosofia, insomma su ogni ramo dello scibile; è dunque facile che caschino nella retorica, se non nella banalità, e che di tanto in tanto non riescano a evitare le castronerie. Poco male, a tutti capita lo strafalcione. Ma allora, cortesi rappresentanti politici che ci governate, limitate i vostri interventi, dimostrate di essere consapevoli che non potete sapere proprio di tutto, che non potete avere contezza di ogni argomento, e se proprio non vi è richiesto, se non siete spinti a farlo, se non siete costretti, evitate di dire la vostra, almeno ogni tanto. Invece di esprimervi, ascoltate; così facendo rischierete di comprendere, o almeno di capire, qualcosa. La stagione di prosa e quella lirica salernitane, sarebbero definibili, più confacentemente, come “niente di trascendentale”, e tutt’altro che “eccellenze”. Dunque, sindaco, sulla cultura è lecito che ognuno possa, se lo desidera, dire la propria, tanto più se lo fa su spazi liberi; non dia loro del somaro (che fra l’altro è una creatura che ha molto da insegnare a molti – le consiglio la visione del bellissimo film di Robert Bresson “Au hasard Balthazar”), anche perché la cultura caricandoci sulla sua possente soma ci conduce per mondi e dimensioni, e proprio con la stessa semplicità di quella bestia paziente

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 392

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto