La magia popolare tra medicina, ermetismo e leggenda

La magia popolare tra medicina, ermetismo e leggenda

image

Domenica 22 Giugno alle 19:15 nell’Arsenale della Repubblica di Amalfi, si inaugura la Mostra “V.I.T.R.I.O.L.V.M. – simboli ermetici e magia popolare”, che resterà in esposizione sino a Domenica 27 luglio.
L’idea di questa mostra di pittura – promossa dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Amalfi, retto da Daniele Milano – segue il ritrovamento di due antiche formule di medicina popolare in un archivio privato amalfitano, Per Ii morsi degli animali velenosi e Orazione contro i vermini, la cui grafia è del sacerdote Filippo Baldassarre Vuolo di Conca dei Marini, possessore di una ricca biblioteca e autore, fra I’altro, di un’impeccabile copia manoscritta, terminata nel 1774, dei Physicae Experimentaliis Elementa.
Questi suggestivi documenti rievocano i tanti racconti di prodigi bianchi e neri ascoltati dalla voce dei contadini: i guaritori, i rimedi, gli scongiuri, le case abitate, i luoghi maledetti, gli spiritelli domestici, i tempestari, gli gnomi, le janare, i licantropi, gli jettatori, i brevi, gli amuleti, i chiaroveggenti, gl’indovini.
ll titolo della mostra, “VI.T.R.I.O.L.V.M.-simboli ermetici e magia popolare”, allude ad un famoso acronimo alchimistico e ben rappresenta la sintesi espressa dall’accostamento delle opere pittoriche di Annalisa Cerio e di Ernesto Saquella. ll motto, infatti, Visita Interiora Terrae Rectificando lnvenies Occultum Lapidem Veram Medicinam (Vedi le profondità della terra e, riordinando, troverai la pietra invisibile che è la vera medicina), richiama l’unità fra lo scopo dell’introspezione e il migliore impiego dei suoi risultati.
imageNelle arti la magia è presente da sempre, in tutto il mondo, e non solo come testimonianza di usi e credenze del passato, ma come segno concreto che indica una via alternativa alla realtà apparente, come espressione di una precisa volontà spiritualizzante che tende a cambiare la vita di colui che vi si connette senza pregiudizi.
«Saranno in mostra simboli e glifi vivificati artisticamente – ha dichiarato il curatore Antonio Porpora Anastasio – accompagnati da scene e figure tradizionali di forte tensione: le visioni essenziali, il polimaterismo e la sicura gestualità di Ernesto Saquella accanto ai ricordi e agl’interrogativi presentati con grande sincerità da Annalisa Cerio. Opere che si sottraggono al chiacchiericcio dei professionisti dell’erudizione e dinanzi alle quali risulta ozioso invocare smascheramenti. Opere da guardare con gli occhi dell’anima, nelle quali riflettersi come in uno specchio».

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *