Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » MummyBook » La voce del padrone

La voce del padrone

La voce del padrone
di Nicoletta Tancredi

Mia mamma al telefono mi sente un po’ stanca.
“Stamattina mi sono alzata alle sei per fare delle cose in tranquillità, senza le bambine tra i piedi” – le dico – “ma Sandra si è svegliata alle sei e un quarto!”
“Preparamela che vengo a prenderla!”
Mai frase più bella.
Ma subito Camilla si oppone. “Anche io voglio uscire con i nonni!”
E non è che lo dica sussurrando, ma urlando a squarciagola.
Le spiego con calma, eppure ferma e decisa, che non se ne parla proprio, che lei già ieri è uscita con i nonni, che oggi è il turno di Sandra e che, dopo l’ultimo episodio, mai e poi mai andranno dai nonni, se non UNA per volta.
Sì, le avevo lasciate tutte e tre a casa dei miei, per andarmene, serena e felice, con mio marito, all’Ikea.
Al ritorno, mia madre, quarant’anni di onorata carriera nella scuola dell’infanzia, donna capace di tenere una classe di trenta scalmanati marmocchi, era visibilmente sconvolta. I capelli ritti in testa, il viso teso.
Dalla bocca una sola frase: “mai più tutte e tre insieme!”
Dunque, che Camilla pianga quanto vuole, ma è certo che non uscirà.
“Farai i disegni con Paola” – le dico tranquilla, mostrandole la sorellina tutta intenta a colorare.
“No!” risponde secco.
Ma tanto non l’avrà per vinta.
Che pianga! E infatti piange.
Quando mia mamma arriva, Camilla è distesa sul pavimento in lacrime, muco e sudore.
“Volevi aprire tu la porta?” chiede la nonna, quella del “mai più tutte e tre insieme”.
“Macché” – rispondo io – “oggi può piangere, vorrebbe venire anche lei, ma le ho spiegato che non è il caso” – vado rimarcando, non tanto per informare mia madre quanto per convincere Camilla dell’immutabilità della decisione presa – “perché dopo quello che è successo l’altro giorno…”
Poi mi giro e Camilla arriva saltellando in una gonnellina tutta voilà!
“Ma dove credi di andare?”, domando.
Camilla non risponde, resta silente in un ampio sorriso.
Mia madre: “ma sì, ma si… farà la brava!”
E così Sandra da un lato e Camilla dall’altro stanno per uscire, fino all’urlo penetrante di Paola: “Anch’IO voglio andare con i nonni!”
“E forza allora … che il nonno ci aspetta!” risponde repentina mia madre, quella del “mai più tutte e tre insieme!”

Piccole e (in)confutabili verità di Mummybook

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 127

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto