L’accoglienza ai migranti e la ‘Grande Salerno’

L’accoglienza ai migranti e la ‘Grande Salerno’
di Ernesto Scelza
Ernesto Scelza
Ernesto Scelza

Cosa fa di una città una ‘grande’ città? Cosa fa di un insieme di persone che condividono uno stesso territorio una comunità di cittadini? La risposta alla domanda che ha accompagnato fin dagli inizi la riflessione sulla ‘democrazia’ è semplice: la politica. L’interesse alla ‘cosa pubblica’, alla ‘polis’, a ciò che è ‘comune’. E la città può diventare bella e ornarsi di edifici ammirevoli se i suoi cittadini la sentono come la ‘propria casa’. Le sue attività fioriscono se fioriscono la discussione e lo scambio. Il suo diventa un ‘buon governo’ se favorisce la partecipazione di tutti, piuttosto che affidarsi alla ‘illuminazione’ di un ‘principe’. Perfino l’Atene del V secolo, che pure stava costruendo le meraviglie del Partenone e dei Propilei andava orgogliosa di questa sua ‘democrazia’ prima di tutto. Basata su un nuovo ‘ethos’, la conquista più grande di tutte. Pericle affermava: “Noi non consideriamo la discussione un ostacolo sulla strada dell’azione politica. Crediamo che la felicità sia il frutto della libertà e la libertà sia il frutto del valore”. E aggiungeva: “La nostra città è aperta al mondo; noi non cacciamo mai uno straniero”. Così l’inventore della democrazia, allievo di Anassagora e di Protagora, due stranieri. Anche noi abbiamo sognato la nostra Salerno. E ci siamo entusiasmati quando abbiamo pensato che potesse diventare, nel senso che abbiamo detto, ‘grande’. Da ultimo, in occasione degli sbarchi dei migranti delle ultime settimane. Poi abbiamo sentito il sindaco parlare di “garantire la sicurezza dei salernitani, prima di tutto”, di “non poter più ospitare a spese del Comune i minori non accompagnati”, chiamare in causa Regione e Governo. Avrà tutte le sue ragioni, De Luca. Ma quanto distante questa idea di città da quella aperta e accogliente che sognavamo.

Ernesto Scelza

Ernesto Scelza, laureato in Filosofia e docente di Storia, è stato leader del Sessantotto e tra i fondatori del manifesto. È stato esponente della Nuova sinistra negli anni Settanta. Giornalista, è stato redattore del settimanale Dossier Sud diretto da Giò Marrazzo, videdirettore di SalernoseraRadio e SalernoseraTv, collegate a Network nazionali, ha collaborato con Michele Santoro a Raitre. Ha collaborato con Gazzetta di Salerno, diretta da Antonio Bottiglieri. Ha operato nel settore commercio con l’estero al Porto di Salerno, ha diretto il Centro Sociale di Salerno facendone un centro di attività culturali e di iniziative sociali. Eletto consigliere provinciale con il Pds e i Ds, ha retto la delega nel settore della cooperazione internazionale e dell’immigrazione. È stato presidente della Consulta provinciale degli immigrati e delle loro famiglie e responsabile dell’Ufficio Pace della Provincia. Portavoce nazionale di Assopace, membro della Presidenza del Coordinamento nazionale degli Enti locali per la pace e i diritti umani e del direttivo nazionale della Tavola della Pace, tra gli organizzatori della Marcia per la pace Perugia-Assisi. Operatore culturale, ha promosso numerose manifestazioni di approfondimento e dibattito politico-culturale. Ha organizzato i Forum internazionali sull’Iraq, l’Afghanistan, il Libano e il Medio Oriente. Ha fatto parte di numerose missioni internazionali di pace in Palestina, Libano, Iraq e nell’Africa sub sahariana. Da anni è impegnato a diffondere tra le giovani generazioni i contenuti e i valori della Costituzione italiana e i fondamenti della storia repubblicana. Ha pubblicato e curato volumi di politica e storia contemporanea e di politica internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *