“Ladri di Stato”, giovedì torna Servizio Pubblico con Santoro

“Ladri di Stato”, giovedì torna Servizio Pubblico con Santoro

Ha fatto parlare di sé prima ancora di tornare sugli schermi, mandando in rete uno spot provocatorio intitolato “Loro rubano e, tu, che fai?”. La pubblicità, trasmessa in televisione e sui social network, protagonista Giulia Innocenzi, ha lasciato intendere il taglio che Michele Santoro darà al suo programma che giovedì torna di nuovo in onda, per la prima volta su una rete di Telecom Italia Media.
Il nuovo corso di Santoro era partito lo scorso anno con la fondazione della Zerostudio’s, che ha realizzato il suo programma trasmesso in multipiattaforma dopo il fallimento della trattativa con La7. Quest’anno a La7 Santoro c’è ma – come ha spiegato in conferenza stampa – da produttore indipendente con libertà d’azione e responsabilità legale tutta a suo carico.
Il titolo del programma resta quello provocatorio della sfida vinta lasciando mamma Rai per una multipiattaforma: “Servizio Pubblico”.
L’appuntamento è per giovedì 25 ottore alle ore 21 su La7. Il titolo della puntata di giovedì sarà “Ladri di Stato”. Michele Santoro ha pure coniato il sottotitolo annuale: “La ricerca di un leader che non c’è”.
Matteo Renzi, Gianfranco Fini e Diego Della Valle saranno i primi ospiti della trasmissione che vedrà al fianco di Santoro i collaboratori di sempre, a partire da Sandro Ruotolo, Vauro, Marco Travaglio e, quasi sicuramente, Luisella Costamagna.
Ogni settimana verrà lanciato un sondaggio in rete tra otto leader politici e chi risulterà primo se la vedrà nell’ultima puntata con il premier Mario Monti.
Ma questo potrebbe anche essere l’ultimo anno di Santoro nelle vesti di conduttore, come egli stesso ha dichiarato nel corso della conferenza stampa di presentazione della trasmissione: «Penso che questo sia il mio ultimo anno alla conduzione di un programma di questo tipo. Vorrei dedicarmi a progetti più complicati ma mi servirebbe qualcuno che me ne desse la possibilità».

(b. r.)

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *