Gio. Ago 22nd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

L’attacco peggiore

2 min read
il corsivista

de_luca_vinzSalerno non è sotto attacco, come qualcuno aveva detto, e la testa di maiale fatta ritrovare il 26 novembre scorso sulla cassetta delle lettere dell’abitazione del sindaco Vincenzo De Luca è soltanto il gesto di un cittadino con seri problemi di equilibrio. Se le indagini dovessero confermare l’ipotesi investigativa che al momento appare la più probabile, saremmo nel triste ambito di una manifestazione di malessere psichico, seppur esteticamente inquietante, alla quale si addice il camice del medico più della toga del giudice. Eppure, sfogliando le cronache di un mese fa, ritroviamo una dichiarazione che ora, con la scienza del dopo, appare più inquietante dello stesso fatto: “Mi pare davvero sconcertante il macabro episodio di stasera ai danni di Vincenzo De Luca. Salerno è sotto attacco, non una sua parte. La storia di una città gattoparda, mutata in città bella e sicura, è la storia che qualcuno vuole fare finire. Chi scrive, si moderi. Chi è lo Stato, vigili sulle persone perbene”. Sono parole apodittiche del segretario del Pd Landolfi, deluchiano di stretta osservanza. Fu un’affermazione netta e decisa, la sua, in un quadro di testimonianze e commenti tutti molto misurati.

La politica, per quanto devota e fideistica, non dovrebbe rinunciare alla virtù cardinale della prudenza, quella che dispone l’intelletto all’analisi lucida della realtà. In caso contrario, saltano regola e misura e i giudizi espressi rispondono al paradosso, non alla logica. Se però i motivi per cui la logica salta esulano dalla libera scelta, come nel caso del quarantenne fermato, non c’è giudizio da pronunciare ma solidarietà da esprimere a chi è in grave difficoltà. Quando alle fantasie onnipotenti va però liberamente ad ispirarsi, per fini oscuri, chi esercita funzioni pubbliche o civiche, allora il quadro diventa allarmante, perché la società finisce sotto l’attacco peggiore, che è quello condotto da individui affetti da divismo delirante.

(IConfronti per Le Cronache del Salernitano)

 

 

2 thoughts on “L’attacco peggiore

  1. Gentile Direttore, confermo che in questa città c’è la gara a chi è più deluchiano di De Luca. Spesso con risultati comici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *