Mer. Ago 21st, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Lavezzi torna a Napoli ma solo come testimone

2 min read
Il calciatore sarà ascoltato nel processo agli imprenditori del settore della ristorazione

Il “Pocho” Lavezzi torna a Napoli, ma come teste. È nell’affollatissima aula 113 di piazza Cenni, dinanzi ai giudici della settima sezione penale, che il calciatore passato da pochi mesi al Paris Saint Germain, giacca e camicia a quadretti, viene ascoltato nell’ambito del processo che vede alla sbarra imprenditori del settore della ristorazione (la famiglia Iorio), usurai (la famiglia Potenza) e l’ex capo della Squadra Mobile di Napoli Vittorio Pisani, accusato di favoreggiamento. Il dibattimento riguarda una indagine sul riciclo di denaro dei clan in attività di ristorazione. Lavezzi non intende essere ripreso e fotografato. Nei corridoi del Tribunale c’è però una grande folla di persone che spera di salutare l’ex beniamino del tifo azzurro.  La deposizione di Ezequiel Lavezzi è durata pochi muniti. Al calciatore, il pm Sergio Amato e gli avvocati del collegio difensivo hanno rivolto poche domande. Lavezzi ha confermato di conoscere l’imprenditore Marco Iorio, principale imputato, che gli è stato presentato da compagni di squadra e di frequentare i suoi ristoranti, in particolare il “Regina Margherita”. Il “pocho” ha ammesso anche di conoscere l’ex capo della Squadra Mobile di Napoli, Vittorio Pisani, che andò a casa sua per chiedergli di autografare alcune magliette. Il pm si è soffermato brevemente sui rapporti con Antonio Lo Russo, figlio dell’ex capoclan Salvatore, oggi pentito, che fu fotografato a bordo campo, allo stadio San Paolo, durante una partita. «Lo conoscevo come ultrà – ha detto Lavezzi – e alcune volte venne anche a casa mia perché gli regalassi delle maglie. In Argentina – ha aggiunto il calciatore – é normale che i tifosi abbiano rapporti con i giocatori. Così era con lui. Una volta giocammo anche alla playstation. Se non ricordo male l’ho visto qualche volta allo stadio». Lavezzi ha confermato di avere acquistato una barca che in precedenza era appartenuta a Fabio Cannavaro. Alla domanda del pm se l’acquisto sia avvenuto tramite il conto svizzero di Marco Iorio, Lavezzi ha risposto di non saperlo perche’ della questione si occupò il suo commercialista. Rispondendo a una domande della Difesa, il “pocho” ha spiegato che era sua abitudine consegnare a Iorio orologi e gioielli quando si allontanava da Napoli, che gli sono sempre stati riconsegnati. L’ultima volta consegnò all’imprenditore una quindicina di orologi, prima sequestrati dalla Procura e successivamente restituiti. Il calciatore si è poi allontanato in tutta fretta diretto all’aeroporto, senza intrattenersi con i cronisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *