Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Territorio » GiroGustando » Le riuscite ricette dell’Agro

Le riuscite ricette dell’Agro

Le riuscite ricette dell’Agro
di Nunzia Gargano

image

Franca Bove, Temi Capuano, Rosaria Del Gaudio, Anita Fasolino, Enza Lambiase, Rosaria Liguori, Lisa Marinelli, Luisa Morrone, Antonietta Pannullo, Giuseppina Ricciardelli, Anna Salvati, Filomena Salvati, Nobilina Sessa. Sono loro le tredici donne che hanno trasformato, sabato scorso, la presentazione del mio libro a Castel San Giorgio in una serata fantastica.
“Le ricette dell’Agro Nocerino-Sarnese” (Prefazione di Luciano Pignataro), edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo, sono state il pretesto per avviare una riflessione sulle enormi potenzialità dell’Agro Nocerino-Sarnese. L’evento organizzato dall’associazione “Amici di Villa Calvanese” e patrocinato dal Comune ha avuto un buon riconoscimento pubblico. A condurre per mano gli ospiti intervenuti in un affascinante viaggio su sapori, odori, aromi e colori sono stati i padroni di casa: il sindaco Francesco Longanella e Maristella Caputo, presidente del sodalizio organizzatore. C’era anche l’energico ingegnere Carmine Capuano, moderatore della serata.
Illuminante la relazione tenuta dalla professoressa paganese, Paola Sinatore, docente del liceo statale “A. Galizia” di Nocera Inferiore. Le tradizioni enogastronomiche come strumento per riappropriarsi delle proprie radici e dell’unità familiare spesso favorite dagli incontri conviviali: questa la chiave di lettura attraverso la quale sono state ricercate e trovate le trame del volume che non è un semplice elenco di ricette, ma una vera e propria guida su prodotti, produttori, artigiani eccellenti.
Tanta la soddisfazione degli organizzatori che si sono impegnati per la riuscita dell’appuntamento che ha goduto tra l’altro anche dell’appoggio dell’assessore alla Cultura, Giuseppe Alfano e di quello al Commercio, Giovanni De Caro.
In primis, Maristella Caputo e Carmine Capuano hanno dato il proprio indispensabile contributo impegnandosi nella preparazione delle pietanze insieme alle tante signore che per due giorni sono state recluse nelle cucine dell’incantevole “Villa Calvanese”.
Se il gradimento del pubblico intervenuto è stato alto, il merito è anche dei produttori più sensibili che hanno permesso di organizzare una degustazione di tutto rispetto. Migliaccio salato, migliaccio dolce, mallone sangiorgese questo il menu della serata unito ai salumi forniti da Gerardo Salvati. Il Pastificio Vicidomini, da sempre a Castel San Giorgio e in prima linea quando va promosso il territorio, ha fornito la pasta per la succulenta pietanza pasquale. Ulteriori protagoniste sono state anche le bionde del locale birrificio Aeffe. Il buffet è stato molto apprezzato perché realizzato con ingredienti inimitabili quali passione, impegno e sacrificio, solo per amore della propria terra.

I Confronti per Le Cronache del Salernitano

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3446

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto