Dom. Lug 21st, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

L’Imu fa più povera l’Italia: lo dice l’Ue

1 min read
Per il rapporto la nuova imposta dovrebbe essere migliorata in senso progressiva

L’Imu, per essere più equa ed avere un effetto redistributivo, deve essere modificata in senso più progressivo. È l’analisi del “Rapporto Ue 2012” su occupazione e sviluppi sociali, secondo cui la vecchia Ici non aveva impatto sulle disuguaglianze e aumentava leggermente la povertà. «Le tasse sulla proprietà non hanno impatto sulla disuguaglianza sociale in Estonia e Italia e si ritiene che aumentino leggermente la povertà in Italia». In un riquadro dedicato espressamente al caso italiano, gli economisti di Bruxelles indicano che alcuni aspetti della recente riforma del 2012 (Imu) «potrebbero essere ulteriormente migliorati».
In particolare, la Commissione cita l’aggiornamento dei valori catastali, le deduzioni non legate alla capacità dei contribuenti a pagare le imposte sul reddito, una definizione di residenza principale e secondaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *