Lo smartphone? Sarà il mezzo per trovare lavoro

Lo smartphone? Sarà il mezzo per trovare lavoro

Touchscreen smartphone with Earth globeEntro il 2015 lo smartphone potrebbe essere il mezzo giusto anche per cercare e trovare lavoro. Lo prevede uno studio pubblicato nei giorni scorsi dal Wall Street Journal che evidenzia come tra due anni la maggior parte degli americani preferirà l’ultima generazione di cellulari per navigare in rete e per trovare lavoro.
Si tratta di una notizia che farà storcere il naso a quanti sono abituati ad associare solo svago e divertimento agli smartphone; ma allo stesso tempo è una previsione che potrebbe aiutare nella ricerca del lavoro anche le fasce più giovani e tutti coloro che non sono in possesso di un personal computer.
Il nuovo trend è stato già definito “mobile recruiting” e riguarda appunto il “reclutamento con il telefonino” che avviene grazie ad alcune applicazioni specifiche sul mondo del lavoro e delle assunzioni. Le applicazioni hanno una serie di contenuti interattivi e permettono di inviare una versione semplificata della domanda di assunzione, in modo che possa essere semplicemente completata utilizzando un comune smartphone.
Le aziende e gli esperti del settore ritengono che poter utilizzare il proprio telefono nella ricerca del lavoro aiuti a coinvolgere anche i più giovani e coloro che non possiedono un personal computer. L’uso del cellulare nella ricerca del lavoro, dunque, secondo lo studio sarebbe più “democratico” rispetto all’uso del computer.
«Le società che non hanno ancora iniziato a usare la ricerca di personale attraverso la tecnologia mobile sono almeno un anno indietro – ha spiegato al Wall Street Journal Elaine Orler, esperta di tecnologia e presidente di Talent Function Group, azienda di consulenza per le risorse umane – Questo tipo di connettività è quello che ci vuole per chi cerca il candidato perfetto».

(b. r.)

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *