Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Londra 2012 / Dalla boxe medaglia certa, Clemente regalaci l’oro

Londra 2012 / Dalla boxe medaglia certa, Clemente regalaci l’oro

Londra 2012 / Dalla boxe medaglia certa, Clemente regalaci l’oro

Chiuso il programma di nuoto e scherma, i riflettori si concentrano su boxe, atletica e sport di squadra. Medaglia sicura per l’Italia in arrivo dal pugilato, categoria pesi massimi. Clemente Russo (foto) ha infatti battuto ai punti (12-10) il cubano José Larduet Gomez ai quarti di finale, una vittoria che gli garantisce sia l’accesso alle semifinali, sia un posto sul podio: il torneo olimpico di boxe, infatti, prevede due bronzi ex aequo. Il 30enne di Marcianise ha sofferto non poco per avere la meglio sul cubano: due delle tre riprese (la prima e la terza) sono state giudicate alla pari. A Russo è bastato vincere il secondo round con due punti di scarto per essere proclamato vincitore dai giudici. Il pugile azzurro tornerà sul ring venerdì pomeriggio alle 16.45 per affrontare in semifinale Teymur Mammadov, 19enne dell’Azerbaijan. In serata i pugili azzurri Valentino e Cammarelle sono impegnati nei quarti di finale. Sulla sabbia invece la coppia Lupo-Nicolai cerca il pass per le semifinali del torneo di beach volley contro l’Olanda. In pista ci sono Chiara Rosa per il lancio del peso, la Hooper nei 200 e la Caravelli nei 100 ostacoli. Nel tiro a segno speranze di medaglie arrivano da Niccolò Campriani, impegnato nelle carabina 50 metri 3 posizioni. Il 24enne fiorentino sogna di salire per la seconda volta sul podio di Londra 2012 dopo l’argento conquistato nella carabina 10 metri. Nella ginnastica artistica, Morandi sogna il podio negli anelli. Fabbrizi e Pellielo in gara nella fossa del tiro a volo, mentre Benassi è impegnato nelle batterie del K1 della canoa. Per gli sport di squadra, il Settebello sfida la Spagna mentre l’Italvolley di Berruto affronta la Bulgaria: entrambe le sfide valgono per la fase a gironi. Maximilian Benassi è stato eliminato dopo le batterie del K1 1000 metri maschile di canoa alle olimpiadi di Londra. L’azzurro non è andato oltre il settimo posto nella prima batteria con il tempo di 3’35″543, non sufficiente neppure per entrare nei ripescaggi
Italiani a parte, sarà un’altra giornata di emozioni a Londra. In serata, alle 20, l’Olympic Stadium sarà teatro della finale del salto con l’asta femminile: tutti gli occhi sono puntati sulla russa Elena Isinbaeva. Alle 22.30 riflettori accesi sulla finale maschile dei 400 metri. E’ stata una finale da urlo quella dei 100 metri alle Olimpiadi di Londra. Stratosferico Usain Bolt che dopo le sconfitte ai mondiali di Daegu e ai trials giamaicani, ha vinto la medaglia d’oro con il tempo di 9″63, nuovo record dei Giochi. Il fenomeno ha preceduto il campione del mondo e connazionale Yohan Blake, 9″75, argento, e l’americano Justin Gatlin, bronzo con 9″79 (personal best). Per un centesimo resta giù dal podio Tyson Gay, che chiude quarto. A seguire Ryan Bailey, Churandy Martina e Richard Thompson. Ultimo Asafa Powell, che si è infortunato e ha chiuso al limite dei 12″. Secondo oro olimpico nei 100 metri in carriera per Usain Bolt.
E’ stata giornata d’oro per la scherma italiana: dopo l’oro delle ragazze, arriva anche quello dei ragazzi nel fioretto a squadre. Gli azzurri, Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Andrea Baldini e Andrea Cassarà, ieri sera hanno piegato 45-39 i tenaci giapponesi, bravi a conquistare un meritato argento. Gli azzurri sono partiti piano con Baldini e Avola, poi, nel terzo assalto, ci ha pensato Cassarà a riportare davanti l’Italia sul 15-13. Da quel momento in poi i ragazzi del ct Cerioni hanno sempre condotto. Cassarà ha tenuto davanti gli azzurri sul 40-37, poi è stato Andrea Baldini a completare l’opera per il 45-39 finale. Si chiude con un bottino ricco di medaglie l’Olimpiade di Londra per la scherma italiana, con il fioretto a farla da padrona, avendo portato un intero podio nell’individuale femminile e due ori squadre, oltre al bronzo della sciabola maschile con Montano e compagni. Delusione Cagnotto, invece, nei tuffi: Tania Cagnotto è arrivata quarta nella finale dei tuffi del trampolino da tre metri alle Olimpiadi di Londra per appena 20 centesimi. La punta azzurra, dopo la delusione in sincro con Francesca Dallapè, non è riuscita a salire sul podio nemmeno nella prova individuale. La bolzanina aveva iniziato bene, tenendo il passo delle cinesi, ma poi, dal terzo salto in avanti, è scivolata prima al quarto e poi al quinto posto. Con l’ultimo tuffo ha raddrizzato la situazione ma purtroppo i giudici non l’hanno aiutata: Tania ha chiuso così al quarto posto per appena 20 centesimi di punto, 362.20 contro i 362.40 della messicana Sanchez Soto. La medaglia d’oro è andata alla cinese Wu Minxia, davanti alla connazionale He Zie e appunto alla messicana Sanchez Soto.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1292

Commenti (1)

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto