Londra 2012 / Il dramma di Schwazer a cui non piace il proprio sport

Londra 2012 / Il dramma di Schwazer a cui non piace il proprio sport

Per Alex Schwazer (foto), forse, l’ammissione peggiore è stata quella di non amare il proprio sport, che allenandosi tante ore è preso dalla nausea, non tanto il doping assunto per migliorare le prestazioni. Prima che un campione, ormai ex, un testimonial, uno sportivo, Alex è un ragazzo distrutto, che cerca di non rimanere da solo in questo momento così difficile, lo si capisce dalle parole pronunciate in conferenza stampa oggi a Bolzano dopo essere risultato positivo a un controllo antidoping lo scorso 30 luglio. «Nessuno sapeva che mi dopavo. Ho preso questa decisione da solo ed io ho deciso di non dirlo a nessuno, nemmeno alla mia fidanzata, semplicemente perché non volevo mettere nei guai nessuno». Alex Schwazer scuote la testa e scoppia in lacrime, a tratti singhiozzando, di fronte alla platea di giornalisti giunti a Bolzano per assistere alla prima conferenza stampa dell’ormai ex marciatore azzurro dopo l’esclusione dai Giochi olimpici di Londra. «Ho fatto un grande errore – dice l’atleta -. E l’ho fatto tutto da solo: sono andato in Turchia, ad Anatolia, dove con 1.500 euro in farmacia si può comprare l’Epo senza troppi problemi. Non chiedo riduzioni di pena, il doping per me merita la squalifica a vita». «Quest’anno io volevo a tutti i costi vincere a tutte e due le distanze. Sulla 50 km – prosegue – sono convinto che avrei vinto anche senza doping, ma volevo conquistare anche la 20 km, dove però nel finale sono necessarie caratteristiche fisiche, come la velocità, che a me mancano. Per questo mi sono dopato». Le parole più sentite sono rivolte alla fidanzata Carolina Kostner: «La cosa più difficile è stato mentirle. Lei non sapeva niente. Aspettavo che andasse all’allenamento per chiudermi in bagno e farmi l’iniezione. E’ stato terribile. Io le avevo detto che le medicine nel frigo erano vitamina B12. Aspettavo che Carolina andasse all’allenamento per farmi l’iniezione in vena. E vi assicuro che non ce la facevo più». «Devo dire che queste tre settimane sono state quelle più difficili della mia vita, perché si dice sempre che con il doping si va più forte, ma per me è stata una mazzata, perché ho dovuto dire bugie. Alzandomi alle 2, alle 3, perché sapevo che dalle 6 in poi sarebbe potuto arrivare un controllo antidoping». Il marciatore ha raccontato di aver «iniziato con l’Epo subito dopo il controllo doping del 13 di luglio. Il 29 luglio ho fatto l’ultima iniezione lo ricordo anche perchè era il compleanno di mia madre. Sono tornato a casa per prendere un documento necessario per le Olimpiadi». Ma poi, a sorpresa, è arrivato il controllo: «Il 30 hanno suonato alla porta e io ero certo che fosse il controllo antidoping. Potevo dire a mia madre di non rispondere o di dire che io non ero in casa. Sarebbe stato un controllo mancato e non sarebbe successo niente visto che se ne possono saltare due all’anno – ha spiegato -. Ma non avevo più la forza di mentire. E volevo solo che tutto questo finisse». [one_half]
[/one_half]
[one_half_last]
Riguardo al dottor Michele Ferrari, Alex ha inoltre precisato di averlo «contatto nel 2009 per avere da lui consigli tecnici, nient’altro. L’ho incontrato in tutta la mia vita 5 o 6 volte. Mi ha dato dei consigli e mi ha fatto delle tabelle di allenamento. Non ho mai preso niente da Ferrari. Io ero pulito e le medaglie sono tutte pulite. I test lo dimostrano perché i valori non mentono: quando ho vinto l’oro avevo valori ematici di un anemico.Ferrari non l’ho sentito più dal 2011 da quando ho scoperto il casino con i ciclisti», ha chiarito infine l’atleta.[/one_half_last] Che ha anche ammesso senza indugi di non amare il proprio sport: «Non mi è mai piaciuto essere osannato per una singola prestazione. Io ho parlato molte volte con Carolina (Kostner, ndr) e lei ama il suo sport, lei pattina perché le piace. Io invece marcio perché sono bravo ma non ho piacere ad allenarmi 35 ore a settimana. Quando pensavo che dovevo solo faticare per ore mi veniva la nausea». Il maratoneta rivela tutte le difficoltà di questi anni: «Tante volte ho letto Alex Schwazer scoppiato, finito, ha cambiato l’allenatore e non ce la fa più. Io con la mia fidanzata non ho alcuna rivalità: lei è una persona fantastica. Ma quando ti fai il ‘mazzo’ per dieci mesi ma esci per una motivazione ‘x’ male da una qualsiasi gara e ti aggrediscono su tutti i giornali non è facile. Se non avessi vinto una medaglia a Londra chissà cosa sarebbe successo e cosa avrebbero scritto». «Domani – ha poi concluso Schwazer – vado a Bologna a ridare la pistola e il tesserino. La mia carriera è stata questa anche grazie ai gruppi sportivi. Io mi allenavo tranquillamente. Facevo il mio lavoro. Ma lo stress è stato troppo. Quello che posso dire ai giovani: non vi dopate. Non ha alcun senso, la vita è tutt’altro».Un’ombra comunque l’atleta, positivo al doping, la getta: Alex Schwazer non vuole spiegare perchè non abbia chiesto aiuto alla Fidal (Federazione italiana di atletica leggera), che comunque «non sa niente». Lo ha detto lo stesso marciatore azzurro criticando le dichiarazione rilasciate dal presidente Franco Arese. «Su questo non voglio dire niente, oggi ho giurato che non voglio parlar male di nessuno», ha spiegato l’atleta di Vipiteno. «Posso solo dire che la Federazione non sa niente. L’unica cosa che ho letto è che il presidente Arese ha dichiarato che io mi trovavo a Innsbruck quando ho fatto il controllo e ho assunto il doping in un centro biathlon a Innsbruck. Non c’è un centro biathlon a Innsbruck, città dove io non sono mai stato… Questa è la realtà in Italia. Ho fatto mille pensieri da chi potevo andare, ma quando uno si fa il culo tutti i giorni non pensa da chi deve andare. Da chi dovevo andare? Dall’allenatore russo, che ha mezza squadra positiva, o dall’allenatore tedesco, che è un ex Ddr?». Se mi sono sentito solo? «Su questo non voglio insistere, scusatemi», ha aggiunto. «Non voglio attaccare, voglio voltare pagina. Ho fatto tanti anni di sacrifici, questa volta ho sbagliato: per me finisce qua. Ma per quanto riguarda la federazione basta solo fare 1+1 e sentire più di un atleta».

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *